Valencia: sotto i riflettori della cucina internazionale

Articolo pubblicato il 11 aprile 2017
Articolo pubblicato il 11 aprile 2017

Attenzione, questo articolo non è stato ancora editato, né pubblicato in alcun gruppo

Valencia è la terza città più importante della Spagna, sia per la sua importanza economica sia per numero di abitanti. Si trova nella zona est della penisola Iberica, denominata anche  Levante spagnolo, ed è bagnata dal fiume Turia

Valencia è la terza città più importante della Spagna, sia per la sua importanza economica sia per numero di abitanti. Si trova nella zona est della penisola Iberica, denominata anche  Levante spagnolo, ed è bagnata dal fiume Turia. La combinazione di sole, paesaggio e la gioia dei suoi cittadini è una garanzia per ogni visitatore. La sua capacità di attirare turisti da tutto il mondo è dovuta non solo al suo centro storico (uno dei più grandi e più antichi di tutto il Paese), ma anche per la sua gustosa e variegata gastronomia. Valencia, che è stata fondata dai Romani intorno all'anno 138 a.C. e dominata dai musulmani e dai cristiani nei secoli successivi, offre tutto il suo fascino con l’umiltà e la serenità di una città dove si respira veramente la storia.

 Valencia: una città per gli amanti della buona cucina

Data la sua posizione sulle rive del Mare Nostrum, la cucina mediterranea è la culla della cultura di questa magnifica città. Pesce, frutti di mare, carne, verdure e legumi, accompagnati da riso e spezie esotiche, sono gli ingredienti principali che fanno invidia a mezzo mondo e fanno diventare la buona cucina il tema principale della visita. Tutta questa varità di prodotti proviene in gran parte dalle generose campagne circostanti, che formano l’area della cosiddetta “huerta de Valencia”, dalla sue coste e dai suoi piccoli ma curati allevamenti. Arance, uva, fagioli, pomodori, maiali, polli, conigli... tutto fa parte della terra che ha visto nascere questa incredibile città. Pesce e frutti di mare di tutti i tipi sono ciò che da sempre il suo popolo ha pescato nel mare che bagna le sue coste.

Uno dei piatti più tipici della città è ovviamente la paella, che può essere di pesce, di carne o mista. Anche se la più famosa tra i suoi cittadini è, in realtà, quella di pollo e coniglio in cui la carne si combina con i fagioli e a volte con polpette e lumache. La paella è un riso asciutto cotto in una padella dal grande diametro e tenuta da due manici sottili, cotto tradizionalmente a legna. Il famoso ‘arroz a banda’, piatto tipico dei pescatori, il riso nero con nero di seppia (tipico nel sud della regione) e altri risotti cremosi, sono le prelibatezze con cui deliziare i nostri palati! Per quanto riguarda le salse di accompagnamento, il sicuro protagonista è l’alioli (chiamato anche ajoaceite), che è una emulsione di aglio crudo in olio d'oliva (a volte mescolato con tuorli d'uovo per dargli maggiore consistenza e cremosità). Con questa salsa il riso, la carne e il pesce acquisiscono il loro sapore tipico. Questa è anche terra di ottimi vini, che hanno appunto una propria denominazione. Altri prodotti alimentari interessanti offerti nei ristoranti e nei mercati della città sono la bottarga, ‘las huevas’ (uova di vari pesci e crostacei), ‘las cocas’ (una specie di pizza o faccia), e il baccalà secco. 

 Dolci e dessert tipici

 Impossibile non assaggiare uno dei liquori elaborati tradizionalmente nella città, come la ‘mistela’ (un vino fruttato dolce), e la famosa Agua de Valencia, fatta con Cava (un prosecco locale), vodka, gin, succo d’arancia e un’abbondate dose di zucchero). Alcune bevande interessanti per calarsi nell’atmosfera valenciana.

L’orzata di cipero (horchata de chufa) è un altro drink che non possiamo ignorare quando si passa per Valencia. È una bibita dolce e gradevole preparata con acqua, zucchero e appunto la chufa un tubero introdotto dagli arabi in territorio spagnolo. Tradizionalmente viene accompagnata dai fartons (delle dolci brioches) che si immergono direttamente nel bicchiere.

Per quanto riguarda la pasticceria sono miele e mandorle gli ingredienti dei dolci tradizionali come il torrone di Jijona o di Casinos. Le peladillas (simili a dei confetti), l’arnadí (torta di mandorle e di zucca), l’almojábanas (un dolce di origine araba) ed i rosigones (simili ai nostri cantucci), sono altri dolci classici che si possono trovare a Valencia.

Tutte queste meraviglie culinarie e saporite carni possono essere gustate presso i numerosi ristoranti sparsi per tutta la città. Ciascuno vi offrirà le proprie specialità con ricette diverse, ma tutti con gusto straordinario e unico. Alcuni ristoranti come il Riff, la Fitorra, l’Apicius, la Bodeguita de Maria o El Poblet, sono i punti riconosciuti per la cucina moderna valenciana. Nelle loro vicinanze, come in qualsiasi altra zona della città, è possibile trovare un alloggio per tutti i gusti e tutte le tasche. 

In breve, Valencia è una città con abitudini antiche ma costantemente aperta alle nuove tendenze, una città in cui il passato e il futuro si fondono in un modo singolare e unico per dare ai suoi visitatori il miglior spettacolo culinario del mondo, il tutto condito con un tocco di storia e di monumenti che sono molto difficili da dimenticare.