UN PRESIDENTE "RIVOLUZIONARIO"

Articolo pubblicato il 15 maggio 2014
Articolo pubblicato il 15 maggio 2014

Attenzione, questo articolo non è stato ancora editato, né pubblicato in alcun gruppo

E' stato de­fi­ni­to "un esem­pio di sem­pli­ci­tà, coe­ren­za e umil­tà", "un mito", "un ex ri­bel­le", "un guer­rie­ro tu­pa­ma­ro", "co­mu­ni­sta", "anar­chi­co", "tu­pa­ma­ro fan­far­ro­ne", "san Pepe" e "eroe ri­vo­lu­zio­na­rio al­l'in­ter­no del pro­prio paese"

Stiamo parlando di Josè Mujica. La sua è una vita passata a combattere per i propri ideali, di cui si porta dietro 14 anni di galera e sei pallottole. Dal Marzo 2010 ricopre la carica di Presidente della Repubblica Uruguaiana. Sotto la sua guida l'Uruguay è stato il primo Stato al mondo ad aver legalizzato la marijuana, negando così numerosi introiti al narcotraffico; inoltre è molto conosciuto per aver legittimato i matrimoni tra omossessuali, definendoli come un principio basilare di rispetto dei diritti umani, per aver permesso l'aborto e per aver rinunciato al suo stipendio presidenziale, devolvendolo i beneficienza.

Come accennato precedentemente, nel marzo del 2010 egli diventa presidente della Repubblica dell'Uruguay, possiamo definire essa come una data spartiacque per i giornali di tutto il mondo; in testate giornalistiche conservatrici come Abc (http://www.abc.es/20090920/internacional-iberoamerica/pepe-tupamaro-bocon-20090920.html) e Le Figaro (http://recherche.lefigaro.fr/recherche/recherche.php?ecrivez=pepe+mujicaHYPERLINK "http://recherche.lefigaro.fr/recherche/recherche.php?ecrivez=pepe+mujica&go=Rechercher&charset=iso"&HYPERLINK "http://recherche.lefigaro.fr/recherche/recherche.php?ecrivez=pepe+mujica&go=Rechercher&charset=iso"go=RechercherHYPERLINK "http://recherche.lefigaro.fr/recherche/recherche.php?ecrivez=pepe+mujica&go=Rechercher&charset=iso"&HYPERLINK "http://recherche.lefigaro.fr/recherche/recherche.php?ecrivez=pepe+mujica&go=Rechercher&charset=iso"charset=iso) troviamo articoli riguardanti "il tupamaro" prima della sua salita al potere (o per lo meno nessun tipo di articolo riguardante le sue azioni politiche, se non relative alla sua povertà). Anche Rednews (http://www.rednews.com/?s=pepe+mujica) ha adottato lo stesso occultamento della notizia, ma per motivi differenti, in quanto non è solo la testata giornalistica di ideali conservatori, ma l'intera Russia.

Il nostro Pepe, nel mentre che veniva completamente dimenticato da questi giornali, viene riempito di elogi da altri; non per motivi antecedenti la sua carica di Presidente, ma per i motivi citati precedentemente. Nel suo paese, per esempio, egli viene addirittura chiamato con l'appellativo di "San Pepe", come riporta un giornale locale: lr21 (http://www.lr21.com.uy/politica/1154167-proponen-coronizar-presidente-jose-pepe-mujica-uruguay-america-economia).

Dello stesso avviso sono giornali come O Globo (http://oglobo.globo.com/opiniao/o-exemplo-de-mujica-11503878) ed Il fatto quotidiano (http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/01/07/jose-pepe-mujica-presidente-delluruguay-mito/462971/). Al Jazeera è andato a trovarlo nella sua abitazione in campagna, intervistandolo https://www.youtube.com/watch?v=iC4eIUFSO2g. Un giornale autorevole come The Economist, a fine 2013 incorona l'Uruguay di Pepe Mujica come Paese dell'anno (http://www.economist.com/news/leaders/21591872-resilient-ireland-booming-south-sudan-tumultuous-turkey-our-country-year-earths-got), non solo per motivi strettamente economici, ma anche perchè il presidente ha aumentato le prospettive di raggiungimento della felicità della propria nazione grazie alle sue riforme.