Un premio alla discriminazione linguistica

Articolo pubblicato il 16 aprile 2009
Pubblicato dalla community
Articolo pubblicato il 16 aprile 2009
Cari amici segnaliamo un curioso caso degno di un'interrogazione al Parlamento europeo. Si tratta del premio Cultural Policy Research 2009 (CPR). Il Premio CPR è aperto a candidati da tutta Europa in grado di parlare e scrivere in inglese. Giovani accademici, ricercatori e responsabili delle politiche possono partecipare al premio di 10.000 euro.
I candidati devono essere in possesso di un master in scienze sociali, arte e scienze umanistiche, o ricerca in politica pubblica, e non devono avere oltre 35 anni al momento della domanda.

Il premio è messo in palio dalla Rete europea dei centri di formazione di gestione culturale, che è finanziata dal Parlamento europeo grazie alla linea di bilancio che prevede "sostegno alle organizzazioni che promuovono la cultura europea". Non si capisce quindi perché il premio debba essere rivolto solo a quelli che scrivono in inglese.

È da notare che fra le maggiori lingue di cultura europee, la lingua italiana è decisamente la più discriminata fra le discriminate. Infatti, i candidati devono presentare il proprio CV allegando le proprie pubblicazioni solo in inglese, francese, tedesco e spagnolo. L'italiano non è una lingua di cultura, insomma.

Il Parlamento europeo dovrebbe rivedere la propria politica di finanziamento a questa Rete, per evidenti ragioni. Non si vede perché i contribuenti europei dovrebbero finanziare un ente che "promuove la cultura europea" solo in inglese, discriminando tutte le altre lingue.