Un pesce d'aprile dal sorriso amaro

Articolo pubblicato il 01 aprile 2016
Articolo pubblicato il 01 aprile 2016

È il 1° aprile e cafébabel non si sottrae alla "regola". Sì, ci abbiamo scherzato sopra e, no, il nostro magazine non è morto. Al contrario. Ma – è inutile girarci intorno – tutta questa storia (inventata) la dice lunga sul fatto che realizzare un media europeo indipendente resti una sfida quotidiana. Ride bene... chi ride ultimo.

Cari babeliani,

Avrete sicuramente letto il nostro articolo pubblicato questa mattina, il 1° aprile, dove si annunciava che l'avventura di cafébabel sarebbe terminata alla fine del prossimo novembre. Potete tirare un respiro di sollievo, era solo un semplice pesce d'aprile. Fortunatamente per voi, e per noi!

Siamo ancora in carreggiata e più che mai motivati a far proseguire il magazine. Per il 2016, l'anno in cui festeggiamo i 15 anni di cafébabel, abbiamo infatti una lunga lista di progetti in mente. 

Per iniziare, la nostra serie di reportage EUtoo continua il suo percorso: tra due settimane l'ultima delle nostre équipe decollerà alla volta di Berlino per andare a incontrare la gioventù disincantata. Per la gioia dei vostri occhi abbiamo anche realizzato una clip video, che sarà presto pubblicata, per festeggiare i nostri 15 anni di esistenza. In più, il panorama delle nostre redazioni locali si amplia: si aggiunge al gruppo quella di Aarhus, in Danimarca! Una menzione speciale alla nostra rete italiana, che è letteralmente esplosa nei mesi passati. Infine il progetto del libro di cui vi abbiamo parlato corrisponde felicemente alla realtà, visto che lavoriamo attualmente al lancio della nostra campagna di crowdfunding. Non vi diciamo più nulla a riguardo, ne saprete di più tra qualche settimana!

Questo pesce d'aprile vuole anche ricordare che i media indipendenti sono fragili e che mantenere a in piedi un magazine europeo è una battaglia quotidiana. Siamo stati innovatori di un modello di giornalismo originale: partecipativo, europeo, multilingue e associativo. In un contesto nel quale il progetto europeo si indebolisce o i finanziamenti pubblici diventano sempre più irrisori, fare vivere un progetto come cafébabel è una vera sfida.

Se cafébabel continua ad avanzare dopo 15 anni, è anche grazie a voi, autori, traduttori, fotografi, membri delle redazioni locali e lettori di tutta Europa, che credete in un magazine europeo che fa sentire la voce dei giovani e si rivolge a tutti gli europei.

Ecco perché la nostra squadra si impegna al 100 per cento, ogni giorno, perché questo scenario catastrofico non resti che una finzione.

Grazie ancora per i vostri commenti d'affetto, la vostra fiducia e il vostro sostegno quotidiano. Dal fondo del cuore. E non dimenticate: cafébabel è ancora in vita e farà di tutto per esserlo ancora per molto tempo!

[<a href="//storify.com/cafebabel_IT/cafebabel-chiude-anzi-no" target="_blank">View the story "Cafébabel chiude. Anzi no." on Storify</a>]