UE/Africa: "je t'aime, moi non plus"

Articolo pubblicato il 15 novembre 2007
Pubblicato dalla community
Articolo pubblicato il 15 novembre 2007
Occorrerà Il secondo summit tra l'Unione europea e l'Africa previsto i 8 e 9 dicembre? Ad ogni modo il Portogallo, presidente dell'UE fino alla fine dell'anno 2007, ci lavora. Lisbona era già stata il principale iniziatore del primo incontro ufficiale tra l'Unione europea e l'Africa nel 2000 al Cairo (Egitto).
In cima dell'elenco europea: opporsi alla presenza economica crescente della Cina sul continente africano.

Dal 2003, Tony Blair ha sempre rifiutato di assistere a qualsiasi evento ufficiale dove sarebbe invitato Robert Mugabe, presidente del Zimbabwe. Ormai Prime Minister del governo britannico, Gordon Brown sembra adottare la stessa tecnica del suo predecessore: minacciare di boicottare il summit di dicembre si Mugabe ci è presente.

Nonostante tutto, rimane una solidarietà  panafricana

E anche se molti dirigenti si oppongono alla dirigenza autoritaria del presidente Mugabe – il 83enne è il dirigente più vecchio del continente nero – la maggior parte non accetta le critiche dal Europa e sarebbero pronti ad annullare il summit come gesto di solidarietà. E il caso del presidente zambiano, Levy Mwanawasa che aveva paragonato la crisi economica del suo vicino e un'inflazione di record di più del 8 000% con il "naufragio del Titanic". Mwanawasa rifiuterebbe l'invito europeo se Robert Mugabe non ci sarebbe anche invitato. "Forse ha ragione Gordon Brown quando solleva le questioni dell'assenza di diritti e di repressione di Stato al Zimbabwe, ma il calendario e la metodologia erano cattivi" conferma Takura Zhangazha, analista politico independente zimbabwano per l'AFP (Agenzia Francese per la Stampa) (http://www.avmaroc.com/actualite/sommet-afrique-a106850.html). Ma "quando un leader occidentale fa tale commento a proposito di uno Stato africano, ci sono per forza delle conseguenze." La domanda è allora fatta: il primo ministro britannico cambierà o no atteggiamento prima di dicembre? "Se l'intenzione è di metterlo a confronto con le sue violazioni di regole di diritto e con la sua mancanza di buona dirigenza al Zimbabwe allora la sua presenza è positiva" giudice l'analista politico Takavafira Zhou dell'Università di Harare. La cancelliere tedesca Angela Merkel si è pronunciata in favore di questa soluzione allo scopo di "sollevare tutte le critiche" sul "disastro" al Zimbabwe.

"l'80% di disoccupazione e una speranza di vita di 37 anni"

In effetti malgrado le minaccie di boicottaggio e le sanzioni che riguardano già il Zimbabwe in particolare a proposito delle aiute economiche e delle restrizioni che riguardano i viaggi in altri paesi – Mugabe è ufficialemente vietato viaggiare sul territorio europeo – l'atteggiamento del governo zimbabwano non è cambiato per niente. E Grodon Brown di constatare suo malgrado che la situazione nel Zimbabwe sta peggiorando. "Quatro millioni persone hanno lasciato il paese, altre quatro milioni soppravivano grazie all'aiuto alimentare a causa della carestia [... ] l'80% di disoccupazione e una speranza di vita di 37 anni." (origine dell'informazione: BBC world. http://news.bbc.co.uk/1/hi/world/africa/7005957.stm) Eppure soggetti vitali fanno parte del programma di questo summit: l'aiuto allo sviluppo, le conseguenze del cambiamento climatico o ancora l'aiuto militare europeo al Darfour (Origine dell'informazione: AngolaPress. http://www.angolapress-angop.ao/noticia-f.asp?ID=569591). Ancora un altro litigio che rovina la relazione già molto "je t'aime moi non plus" tra Europa e Africa.

Il Zimbabwe in qualche data :

-         1885-1886 : colonizzazione del Zimbabwe dalla Gran Bretagna con al suo capo Cecil Rhodes che poi darà il suo nome a questa zona, la Rhodesia (allora composta della Zambia al nord e del Zimbabwe al sud)

-      1980 : Robert Mugabe, capo dell'ala radicale del Movimento nazionalista, eletto al capo del governo seguendo le prime elezioni libere. Esodo di una parte della minorità bianca che controlla ancora la maggior parte delle ricchezze dei paesi.

-      1987 : instaurazione di une regime presidenziale. Mugabe è rinnovato presidente nel 1990, 1996, 2002 e esercita un potere sempre più autoritario.

  -   2000 :radicalizzazione della riforma agraria (espropriazione dei proprietari di azienda agricola bianchi) che conduce verso una seria crisi economica.  

-          2003 : il Zimbabwe lascia il Commonwealth

-Johara BOUKABOUS / Traduzione : Sophie JANOD

Foto: AFP/Reuters/fotomontaggio L. Mouaoued per la RFI (http://www.rfi.fr/actufr/articles/095/article_58491.asp)