Terra per chi la lavora

Articolo pubblicato il 31 marzo 2008
Articolo pubblicato il 31 marzo 2008
Canna da Zucchero, Bambini, Terra e Lavoro, Il calore del Sud entra nella pelle, negli occhi e nel cuore. Ospiti per un istante della terra della Canna, dello Zucchero e...del Alcool Seminare, tagliare, caricare canna da zucchero senza sosta. Migliaia di chili al giorno, per decine di anni, fino a piegarsi per sempre sotto il peso del lavoro. Fino a non avere più la forza per andare avanti.
Fino a rimanere nella solitudine della ricca terra di Bella Unión.

Questa è Bella Unión, però è anche molto di più. é gente calda, bambini sporchi di terra, albe che nascono nella lotta, occupazioni di terra, riforma agraria, vita comunitaria, condividere una pentola di cibo, un pezzo di pane bruciato nella stufa a legna, canzoni ed emozioni per una notte di luna piena. Cana.JPG "Qui se vuoi vivere solo di canna da zucchero muori di fame" dice Roque, cañero da una vita. Lo sa fin troppo bene, come lo sanno i suoi compagni di lavoro. Vuole vivere della terra e nella terra. Ma la strada è lunga. Molta terra en Bella Unión serve per la canna , la canna serve per lo zucchero e lo zucchero servirà, nel futuro, per l'alcool combustibile.

Roque vive con la sua famiglia in Colonia España, prima terra occupata nella storia dell'Uruguay, gestita oggi da una cooperativa sociale, grazie alle negoziazioni con il governo. Lo sanno quelli di Colonia España, che l'alternativa è stimolare la piccola produzione, vivere nella campagna, apprendere ad usare la terra per l'autosussistenza, impedire che i figli lascino la terra...per sempre! NinaBUnion.JPG Bella Unión, dipartimento di Artigas, 600 chilometri a nord di Montevideo, Uruguay profondo, triplice frontiera. Terra di viaggi, di fiumi, di abondanza e di povertà. Terra di sogni e di speranze. Terra al Sud del Sud.