Tapas, sangría e cliché: bienvenidos!

Articolo pubblicato il 10 giugno 2008
Articolo pubblicato il 10 giugno 2008

Attenzione, questo articolo non è stato ancora editato, né pubblicato in alcun gruppo

Il quartiere di Santa Cruz, nel centro storico di Siviglia, è una Spagna in miniatura costruita attorno a edifici di rara bellezza e bar e negozi "attira" turisti. Un museo del folklore ispanico. Galleria fotografica.

Il turista resta a bocca aperta: allo stesso tempo mora, ebrea e cattolica, esuberante e calorosa, Siviglia è un monumento all’esotico e alla sua grandezza storica e culturale.

Davanti alla Giralda, a sinistra i giardini dell’Alcazar, abbondanza di rosso e di giallo, crepitio di flash: benvenuti a Santa Cruz.

Qui tutto è predisposto per poter soddisfare il turista avido di Spagna: ninnoli sul flamenco D.O.C., piccoli ballerini di plastica, sangria, holè! Oggetti decorati con pizzi e merletti, tessuti a pois, dolcetti sono schierati sulle terrazze dei caffè e dei ristoranti, dove si possono comprare “tapas variadas” a qualunque ora del giorno o una “jarra de sangria” a soli otto euro.

Insomma Santa Cruz, o come dipingere la versione colorata di una Spagna troppo stereotipata.

Tutte le foto sono di Bénedicte Salzes.

Sangria, Tapas e Flamenco.

Vista della cattedrale di Siviglia.

Turisti. Dietro l'entrata dell'Alcazar.

Le "empanadillas", piatto tipico spagnolo, flamenco, e un "cochero" durante una siesta

"Dio benedica tutti gli angoli di questa casa", particolare di una placca in vendita.

La "tostada", colazione a base di pane, olio, pomodoro e Jamon. Una tapa tipica.

Turisti in un bar in centro (a sinistra). Particolare di un annuncio di cerimonia religiosa esposto fuori da una chiesa (a destra).