#ShowMeYourope, l’arte oltre le frontiere.

Articolo pubblicato il 14 gennaio 2016
Articolo pubblicato il 14 gennaio 2016

Attenzione, questo articolo non è stato ancora editato, né pubblicato in alcun gruppo

Da qualche anno, l’Europa fa fronte a diverse crisi che minacciano seriamente la sua identità e che spingono molti cittadini a non interessarsene. Un gruppo di studenti di Bruxelles ha deciso di lanciare “ Show Me Yourope”, un concorso artistico multidisciplinare e paneuropeo, con lo scopo di rafforzare i valori europei e di contrastare la crescita dei movimenti nazionalisti.

L’arte è da sempre il campo espressivo per eccellenza di qualsiasi forma di rivendicazione. Al fine di riacquisire questa idea di Europa unita, la quale rappresenta ormai da settanta anni una delle nostre eredità più preziose, la classe del Master Executive in Comunicazione e Politica Europee dell’Institut des Hautes Etudes des Communications Sociales de Bruxelles (IHECS) ha deciso di impegnarsi in un progetto originale di grande portata: Show Me Yourope. Fino al 7 febbraio 2016 (incluso) , giovani artisti  provenienti da tutta Europa e con un’età minima di quindici anni, sono invitati a condividere la loro visione dei valori che ci uniscono, e allo stesso modo, le loro storie, le loro proteste, così come le loro paure e le loro speranze sul futuro del “Vecchio continente”.

In occasione di una grande serata di gala che si terrà sabato 5 marzo 2016 nel pieno centro di Bruxelles, una giuria, composta da artisti rinomati e da personalità europee,selezionerà i dieci vincitori scelti in fase preliminare tramite voto online sulla pagina Facebook del concorso. Sei un pittore, un musicista, un ballerino, uno scultore, un regista? Questo è il concorso che fa per te! Numerosi premi, tra cui un assegno per il vincitore di 500 € in aggiunta ad una grande visibilità durante un grande evento europeo, saranno assegnati al termine della serata che, fin d'ora, si preannuncia molto vivace. 

Deadline per inviare la tua candidatura: 7 febbraio 2016.

Potete trovare il progetto anche su Twitter