Se scappa l’uccellino...

Articolo pubblicato il 03 gennaio 2007
Articolo pubblicato il 03 gennaio 2007

Attenzione, questo articolo non è stato ancora editato, né pubblicato in alcun gruppo

Tu as la braguette ouverte è senza dubbio l'espressione meno fantasiosa di cui i francesi dispongano per avvertire qualcuno che la sua cerniera è aperta. Spulciando tra le metafore con cui gli europei cercano di tirar fuori i loro amici maschi da situazioni potenzialmente imbarazzanti, se ne trovano invece di ben più evocative.

Sono sempre i francesi a stupirci quando, sfoggiando tutto il proprio “repubblicanismo”, dicono “il municipio è aperto”, la mairie est ouverte. Dai meno nazionalisti potrebbe capitare di sentirsi dire “il negozio è aperto”, le magazin est ouvert. Identificare la patta come un generico negozio sembra non bastare ai catalani, che dicono “la farmacia è aperta”, tenir la farmàcia oberta.

I polacchi si tengono sul vago riferendosi al gesto del “tirare su la lampo sotto il collo”, zapnij si pod szyj. Ma possiamo contare sui tedeschi per impertinenti frasi. In Germania infatti si dice: “hai la stalla aperta”, dein hosenstall ist offen. Sempre per restare nel registro zoologico, italiani e spagnoli la buttano sull'ornitologico: “scappa l'uccellino” equivale all’iberico se escapa tu pajarillo. La facile trivialità di queste espressioni nasconde forse un riconoscimento del virile ruolo di “colui che provvede al sostentamento”: gli uccelli infatti fanno i nidi e depositano le uova.

Anche gli inglesi ricorrono a metafore volatili, ma, con il solito tatto, commentano “voli senza brevetto”, you’re flying without a license. Nella loro pudica versione è ormai edulcorato qualsiasi riferimento fallico. E si richiede regolare autorizzazione perché... il membro possa svolazzare in libertà.