Se le elezioni polacche diventano sexy

Articolo pubblicato il 19 ottobre 2007
Articolo pubblicato il 19 ottobre 2007

Attenzione, questo articolo non è stato ancora editato, né pubblicato in alcun gruppo

Alla vigilia delle Politiche di domenica 21 ottobre, le star polacche dicono perché andranno a votare. In un Paese che lamenta il 40% di affluenza alle urne.

Votare è un dovere e allo stesso tempo un privilegio di tutti i cittadini. Purtroppo però, nella società polacca regna la convinzione che il cittadino qualunque, non abbia nessuna influenza sulla scena politica. «Non vado a votare tanto cosa cambia con il mio voto?», dice la maggioranza degli scettici. Le statistiche mostrano che c’è ancora molto lavoro da fare prima che i polacchi raggiungano i francesi con la loro affluenza record di più dell’85% alle ultime Presidenziali. Secondo dati ufficiali alle ultime elezioni parlamentari è andato a votare solo il 40,57% degli aventi diritto. Ne consegue che il Governo in carica è stato eletto da poco più del 10% degli abitanti della Polonia.

Perché posso, perché voglio, perché sono libero

Per cambiare le cose i membri dell'associazione Wybieram.pl mirano a far nascere tra i giovani l’interesse per la politica. Wybieram.pl, elaborato in forma di fumetto e pieno di slogan attrattivi, è vicino ai giovani cresciuti nella cultura hip-hop.

Nella campagna precedente hanno utilizzato gli slogan proposti dai partecipanti a workshop e incontri organizzati in tutta la Polonia, compresa la cittadina di Ngo durante il più importante Festival musicale polacco Open'er. «La gente poteva venire nel nostro tendone, chiacchierare, ascoltare dibattiti a cui partecipavano giornalisti famosi e fare domande», dice Irmina Dbrowska, uno dei membri fondatori dell’associazione. «I partecipanti potevano anche scrivere su manifesti appositamente preparati perché votavano – o non votavano – alle elezioni». Da queste scritte sono stati tratti poi loghi ed etichette con gli slogan tipici: "perché posso", "perché mi importa", "perché di domenica sono libero".

Il Rock the vote polacco

Oltre ad invogliare al voto, l’associazione si occupa di informare i giovani sugli aspetti "tecnici" del voto. Il diritto polacco su questo punto è ancora abbastanza confuso. Gli studenti che studiano fuori sede, se non vogliono andare a casa il weekend delle elezioni, hanno bisogno di un apposito certificato rilasciato da un organo competente che si trova nella città in cui risiedono. Gli studenti possono leggere sul sito o su manifesti e volantini che si trovano in tutti gli studentati di Varsavia di quale certificato si tratti e dove deve essere ritirato e consegnato. Sul sito si trovano anche informazioni per gli studenti Erasmus e per le persone che lavorano all’estero.

L’ultimo hit della campagna Wybieram.pl è uno spot con la partecipazione di star polacche – attori, sportivi, giornalisti – che dicono perché voteranno. Uno spot professionale, che ricorda gli spot del movimento Usa “Rock the vote”, e che è stato autoprodotto senza grandi investimenti finanziari. Com’è possibile? «Uno dei colleghi dell’associazione lavora per Glamour, un altro è un regista dilettante, un altro ancora fotografo», ci spiega Irmina. «Abbiamo raccolto tutti i contatti, professionali e privati, che avevamo, abbiamo anche provato ad avvicinare le persone famose attraverso gli agenti e in qualche modo ha funzionato. Per fortuna non abbiamo avuto bisogno di costringere nessuno a partecipare», aggiunge.

«Un noto fotografo, Mateusz Stankiewicz, ha immortalato le star che mostravano il logo, poi il regista Artur Wyykowski ha girato e montato il clip, coinvolgendo una conoscente che si occupava dei suoni. Tutto quello che facciamo è realizzato grazie all’aiuto di conoscenti, il che a volte è decisamente molto stancante, ma una volta che la rete si è estesa è molto più semplice».

Sono state girate tre versioni dello spot con lo stesso messaggio, comune a tutte le iniziative di Wybieram.pl: "Vota. Vota come vuoi". Grazie al favore dei canali televisivi saranno trasmesse gratuitamente su Comedy Central, VH1, Canal+, Canal+ Film, TVN e Polsat. Resta soltanto la speranza che i polacchi, che evidentemente non ne possono più di ascoltare i politici, ascoltino gli attori e vadano a votare.

GUARDA LO SPOT DI WYBIERAM.PL – VOTA COME VUOI