Se Erasmus sbarca in Turchia

Articolo pubblicato il 03 ottobre 2003
Pubblicato dalla community
Articolo pubblicato il 03 ottobre 2003

Attenzione, questo articolo non è stato ancora editato, né pubblicato in alcun gruppo

Il processo di allargamento via il progarmma ERASMUS: un passo avanti rispetto all’UE dei 15.

Fin dal suo lancio nel 1987, il programma ERASMUS si è rivelato un’importante iniziativa per rendere l’Unione più vicina ad una più vasta fetta di pubblico – specialmente fra i giovani, in mezzo a quella gente afafbile e di buon senso che rappresenterà l’élite futura dell’Europa. Non a caso è proprio la mobilità studentesca del progetto Erasmus il suo aspetto più noto – rispetto cioè a quelle altre attività decisamente meno conosciute come i progetti transnazionali ed il sistema comune europeo di trasferimento dei crediti (ECTS). Fra i benefici di cui godono ad oggi gli studenti si registrano un (più o meno) professionale ufficio internazionale presente virtualmente in ogni istituzione europea universitaria o d’istruzione superiore, un crescente numero di corsi in inglese e migliori opportunità di trovare all’estero un percorso di studi pienamente riconosciuto dalle istituzioni dei paesi d’origine. Quali i punti deboli del programma? Indubbiamente il limitato numero di posti, il che rende più difficile per gli studenti dell’Europa centro-orientale spostarsi in “Occidente”. E c’è poi la stessa ambigua reputazione del sistema ERASMUS, visto da alcuni più come un periodo festivo di sei mesi, che come un serio passo verso la costruzione di una carriera europea multilingue e interculturale.

Quanto ad allargamento il programma ERASMUS si pone come un pioniere. Nel corrente periodo 2000-2006 partecipano non solo i 12 paesi che hanno aderito all’UE, in qualità di partner uguali, ma persino paesi non candidati come Islanda, Norvegia e Liechtenstein. L’unica assenza rilevante è quella della Svizzera (a cui tuttavia, dovremmo aggiungere il Vaticano).

La Turchia diverrà membro del progetto ERASMUS a tutti gli effetti dall’anno accademico 2004/05. La procedura prevede che ogni università turca o università di istruzione superiore che vogliano ospitare o inviare studenti dovrà adottare anzitutto la cosiddetta Convenzione universitaria ERASMUS (ERASMUS University Charter ndt) come premio di qualità per la sua politica e i suoi obiettivi per la cooperazione europea. Il modulo di candidatura è accessibile on-line sul sito www.socleoyouth.be; la prossima scadenza è il 1° novembre 2003. Coloro che riusciranno a ottenerla potranno poi fare domanda per i posti disponibili per studenti (ed insegnanti) all’agenzia nazionale fondata di recente (www.dpt.gov.tr/ulusalajans). Al momento, 15 progetti pilota tra università UE e turche stanno funzionando in una modalità reciproca sperimentando spostamenti studenteschi su piccola scala. Un elenco delle istituzioni partecipanti è fornito alla fine di quest’articolo.

Mentre i confini futuri dell’UE sono ancora in discussione, viene poi dato il via all’ERASMUS Mundus, un nuovo programma che calza alla perfezione allo spirito missionario della Commissione Prodi intesa ad esportare “il meglio dell’Europa” nei quattro angoli del mondo. ERASMUS Mundus inviterà studenti e neo laureati provenienti da paesi esterni all’Europa presso le università europee. La sua missione è quella di migliorare il dialogo tra le culture e le scienze, ed incanala il mercato dell’istruzione europea verso la giusta direzione in modo da competere con successo con le università straniere.

L’ambizione elitaria dei “Corsi Erasmus Mundus Masters” in programma, in cui le più accreditate stelle del firmamento accademico europeo e mondiale studieranno a lungo insieme e, grazie ai generosi fondi UE, circoleranno fra le migliori università, mostra infine il nuovo schema comunicativo di Bruxelles: solo il meglio troverà abbastanza denaro per lavorare, studiare, far pratica... e festeggiare!

__________________________

Istituzioni che partecipano agli accordi ERASMUS UE-Turchia:

Dokiz Eylül University - University of Maastricht (NL),

Karadeniz Technical University - University of Ghent (B)

Istanbul University - Humboldt-Universität Berlin (D)

Galatasaray University - Paris I Université Panthéon-Sorbonne (F)

NB. I contatti professionali e personali che verranno stabiliti nel corso di queste cooperazioni ERASMUS, non dovrebbero essere sottovalutati in ordine alle decisioni pro e contro la piena adesione della Turchia nell’UE.