Sberle di saggezza: i giovani, la crisi e i nonni di Cafébabel

Articolo pubblicato il 10 ottobre 2013
Articolo pubblicato il 10 ottobre 2013

Ottimisti, ma anche critici: dall'Italia all'Inghilterra, i nonni degli editor di Cafébabel suonano la sveglia ai loro nipoti! 

"Vivi intensamente, goditi ogni istante, non fare come me che oggi pomeriggio ho guardato 'Shaun the Sheep'Prendi la vita come viene e apprezzala. Risparmiare qualche soldo è importante, ma fai in modo che non diventi lo scopo principale della tua vita. Sposati al momento giusto se pensi di aver incontrato la persona giusta e non farlo soltanto perché credi che sia inevitabile.

Sebbene non sia una mia abitudine fare ragionamenti filosofici, mi chiedo spesso perché facciamo figli. Ho raggiunto la conclusione che non dipende dal desiderio di avere una famiglia, ma delle pressioni che riceviamo da parte di chi vive intorno a noi: il mondo non va certo per il verso giusto. Comunicare è più semplice al giorno d'oggi, ma credi che ciò abbia portato a dei miglioramenti? Il governo conosce per filo e per segno cosa pensiamo e cosa facciamo. Ho la testa piena di pensieri oggi pomeriggio... ".

John, 75 anni, Inghilterra

"I giovani d'oggi sono viziati. Viviamo in un mondo pieno di tecnologia e abbiamo tutto a portata di mano. I giovani spesso sono troppo ambiziosi e finiscono per diventare sempre più arroganti anche nei confronti della loro famiglia. Dovrebbero pensare a trovarsi un buon posto di lavoro visto che è la base della vita sociale. Senza lavoro, è difficile andare avanti. I  giovani non sono più in grado di affrontare le difficoltà della vita".

Annunziata, 77 anni, Italia

"Prima di tutto, voi giovani siete privilegiati perché avete la salute e l’energia: sfruttate tutto questo per fare strada nella vita!". Ecco una conversazione tra un nipote proveniente dal sud della Francia (N) e sua nonna (M).

N: Cos'è per te il successo?

M: Cogliere l’occasione quando si presenta e lottare per difenderla.

N: Ma se l’occasione non si presenta, cosa devo fare?

M: Abbi fiducia. Continua a sognare perché, prima o poi, arriverà. Qualcuno disse: "I have a dream". Il sogno di quella persona è diventato realtà.

N: Siamo tutti uguali agli occhi della fortuna?

M: Sì, se ti rimbocchi le maniche.

N: Questo significa che dovrò lavorare sodo?

M: Certo, ma fai ciò che ti piace, goditi la vita, le cose belle...

N: È una bella ricetta nonna, peccato che non so cucinare.

M: E che ci vuole, impara! Non dimenticare gli ingredienti fondamentali: integrità, impegno e rispetto per gli altri.

N: Nonna, hai saputo della crisi?

M: Certo che sì, ci sento ancora bene! Non è mica la prima crisi che attraversiamo da quando siamo nati. Forse c'è bisogno di un grande cambiamento, ma un po' d'ottimismo non guasta mai.

Marcelle, 79 anni, Francia 

"Sii educato, non stancarti mai di essere curioso verso il mondo e di imparare cose nuove. Non disprezzare la scuola. A me sarebbe piaciuto andarci, ma sono nata in Polonia durante la guerra e sono cresciuta in pieno Comunismo. Ero figlia di un contadino e non avevo possibilità di studiare. Ho sempre sognato di diventare una professoressa, ma non ho potuto.  

Difendi le tue idee, senza curarti di quello che pensa la gente. Se sei come gli altri e ti uniformi al loro pensiero, non farai strada. Divertiti, goditi la vita finché sei giovane. Più vai avanti e più sarà dura, anche se mai impossibile.

Non cambiare fidanzato ogni 5 minuti. Non ne vale la pena. È meglio trovare la propria stabilità con un uomo di cui ti fidi. Sposati e fai dei figli! Hai 25 anni, è fin troppo tardi! Quanto pensi che debba aspettare ancora per avere dei nipotini? Non vivo mica in eterno".

Wanda, 73 anni, Polonia

"Sii onesto, non drogarti, non diventare un ubriacone. Non rifiutare mai se ti viene offerto un lavoro. Rispetta i tuoi genitori e i tuoi nonni".

Kristina, 77 anni, Slovenia