Sarkozy-Merkel: per un’Europa compatta

Articolo pubblicato il 12 maggio 2009
Articolo pubblicato il 12 maggio 2009

Attenzione, questo articolo non è stato ancora editato, né pubblicato in alcun gruppo

Difendere una visione comune dell’Europa: questo era lo scopo dell’incontro. A meno di tre settimane dalle elezioni europee, la riunione che ha avuto luogo alla Postdamer Platz di Berlino, simbolo della riunificazione tedesca, ha segnato il ritorno in forza dell’asse franco-tedesco che avevamo già visto al G20 di Londra.

Dal Trattato di Lisbona all’allargamento dell’Ue

Sulla questione dell’adesione della Turchia Sarkozy e Merkel hanno ribadito le loro posizioni, parlando di un “partenariato privilegiato” per quanto riguarda Ankara. Si è parlato del Tratatto di Lisbona, che la Repubblica ceca e l’Irlanda devono ancora firmare. Angela Merkel ha accusato soprattutto gli euroscettici, dicendo che non vuole tendere la mano a «coloro che rifiutano il Trattato di Lisbona e che parlano al tempo stesso di ampliare l’allargamento». Parlava forse degli inglesi?