Salire sul... fustino del detersivo

Articolo pubblicato il 25 maggio 2005
Articolo pubblicato il 25 maggio 2005

Attenzione, questo articolo non è stato ancora editato, né pubblicato in alcun gruppo

...E’ questa la traduzione letterale di «To get up on one's soapbox », che significa ascoltare compiaciuti i propri discorsi, gongolarsi del suono della propria voce. Questa espressione tipicamente “british” lascia intendere che... il vostro pubblico preferirebbe essere altrove. L’espressione viene dal celebre «speaker’s corner», un’area del giardino pubblico londinese Hyde Park riservata agli oratori della domenica in quei tempi lontani in cui il detersivo non era ancora venduto in pratiche bustine monodose. Come il tè, anche il sapone era venduto sfuso: lo si trasportava in casse di legno ingombranti e robuste. Che spesso servivano da piedistallo a chi volesse ergersi sulla folla per imporsi al di sopra del brusio. Ma come tradurre un’espressione così inglese? Un amico tedesco ha tradotto «salire sulla propria cassetta delle arance» ma in realtà i tedeschi dicono «giocare al predicatore laico», e il mio amico slovacco usa invece l’espressione «predicare al vento». Insomma: «mettersi sul piedistallo».