Russia: Il valzer a due tempi della coppia franco-tedesca

Articolo pubblicato il 02 aprile 2014
Articolo pubblicato il 02 aprile 2014

Attenzione, questo articolo non è stato ancora editato, né pubblicato in alcun gruppo

Mentre la Germania si trova in una situazione delicata, la Cancelliera, è arrivata ieri pomeriggio al Consiglio Europeo ieri pomeriggioieri al Consiglio ieri pomeriggio al Consiglio econ i suoi grossi zoccoli diplomatici.

Nel corso della sua storia, la Germania ha sempre avuto buone relazioni con la Russia e l'Ucraina, dandole un ruolo importante nel conflitto ucraino. In realtà, la Repubblica Federale Tedesca decidendo di aiutare l'Ucraina, non sapeva esattamente cosa fare per continuare ad avere una buona relazione con entrambi i paesi. Il discorso tenutosi ieri da Angela Merkel a Bun­de­stag e alla conferenza stampa del Consiglio Europeo é stato un punto di svolta della situazione. La cancelliera non ha usato mezzi termini.

Il G8 non esiste più

Non ha più senso considerare la Rus­sia come par­tner. Dopo aver condannato il Cremlino per aver violato il diritto internazionale, ha ricordato che quasi dopo 25 anni dalla caduta del muro di Berlino, la solidarietà europea deve essere salvagurdata, An­ge­la Mer­kel ha dichiarato che d'ora in avanti, si parlerà solamente di G7 imponendo delle sanzioni economiche alla Russia: "La Rus­sie è totalmente isolata" ; "fino a nuovo ordine, non si parlerà più né di G8, né di Summit, né di G8 in quanto tale" e "le sanzioni economiche saranno sentite", ha dichiarato ieri la Cancelliera tedesca con tono determinato.

nell'Ovest, niente di nuovo? 

François Hol­lan­de ha confermato il suo appoggio all'Ucraina durante una discussione con i suoi colleghi europei ieri a Bruxelles et ha annunciato l'annullamento del Summit Europa-Russia previsto per Giugno. Ha aggiunto che l'Unione Europea dovrebbe "presentare delle sanzioni economiche con­tro la Rus­sia" in caso di degradazione, ci si troverà per un nuovo Sum­mit.

La dichiarazione era in realtà centrata sul caso francese: Il Presidente é stato chiamato a parlare della dichiarazione di Ni­co­las Sar­ko­zy fatta al Fi­ga­ro il quale comparava tra le altre, la Fran­cia e la Stasi. François Hol­lan­de ha rifiutato di rispondere alle domande: "Non mi pronuncio su questo" ma ha tuttavia precisato che la referenza del suo predecessore era "insopportabile". 

"Non importa le difficoltà, l'Eu­ro­pa saprà come affrontarle." 

Oggi, i due capi di stato hanno dato, in sede separata, una conferenza stampa per presentare le conclusioni del Consiglio. Mentre François Hol­lan­de si é mostrato prudente, An­ge­la Mer­kel ha dichiarato di essere "ottimista per il futuro" et che l'Europa ha "ancora una volta mostrato di prendere delle decisioni comuni e imporsi." Ha concluso affermando che "non importata le difficoltà, l'Eu­ro­pa saprà come affrontarle."