Roma diventa capitale dell’innovazione, con un occhio di riguardo alla smart citizenship 

Articolo pubblicato il 09 settembre 2014
Articolo pubblicato il 09 settembre 2014

Dal 29 settembre al 5 ottobre 2014 Roma ospita la Innovation Week: una settimana ad alto tasso di innovazione fra grandi ospiti e makers da tutto il mondo. Si parlerà anche di smart cities.

Inventori, creativi e “artigiani dell’innovazione”  hanno un ottimo motivo per gioire: a cavallo fra settembre e ottobre 2014, la città di Roma ospiterà una intera settimana di eventi dedicati all’innovazione in tutte le sue possibili declinazioni (con una particolare attenzione al tema della smart citizenship): sharing economy, open democracy, internet of things, stampanti 3D e il peculiare approccio dei “makers” - considerati i protagonisti e i driver della “terza rivoluzione industriale” - occasioni per le start up, open hardware, social innovation, social democracy, impact bonds e tanto altro ancora. La Innovation Week http://innovationweek.makerfairerome.eu/ sarà una vera e propria maratona per dare spazio alle idee, alla creatività, alla voglia di cambiamento.

Come si potrebbe definire questo evento ? Lo suggerisce il pay off del suo sito internet: “un posto per innovatori, programmatori, hackers, futurologi, finanziatori e chiunque abbia una storia da raccontare su come potrebbe essere il futuro”.

Riccardo Luna, giornalista e curatore dell'evento insieme al co-fondatore del progetto Arduino, Massimo Banzi, durante la conferenza stampa di lancio ha definito la Innovation Week “un'agenda del cambiamento, per ripartire dal digitale. Il mondo dei maker deve diventare Pil”.

Ospitata nel Parco della Musica, promossa dalla Camera di Commercio di Roma e organizzata dalla sua azienda Asset Camera, l’Innovation Week, avrà inizio il 29 settembre con una serie di grandi eventi e conferenze gratuiti e aperti a tutta la cittadinanza. Si concluderà con la tre giorni tanto attesa da geek e nerd di tutta Italia: la seconda edizione della Maker Faire (www.makerfaireroma.eu), dal 2 al 5 ottobre, la più grande fiera italiana dedicata al digital manufacturing.

Si comincia il 29 settembre con la prima edizione italiana del Personal Democracy Forum, una conferenza internazionale nata a New York nel 2004, che da ben dieci anni analizza l’impatto della tecnologia sulla democrazia e la società.  Si discuterà di come i dati, dando informazioni ai cittadini sull'operato delle istituzioni, possano rendere l'amministrazione più efficiente e creare opportunità per le aziende.  Per dare un esempio dell’impatto di questa manifestazione sulla smart citizenship, basti ricordare che durante il Personal Democracy Forum del 2009 fu lanciata la versione beta di USAspending.gov, un progetto del governo USA che ha rivoluzionato il concetto di trasparenza amministrativa sulla spesa pubblica. 

Si prosegue con l'Open Hardware Summit, dal 30 settembre al 1 ottobre, la  conferenza annuale organizzata dalla Open Source Hardware Association che sbarca per la prima volta in Europa. Appuntamento imperdibile per gli appassionati di hardware aperto, sarà composta da vari “talks” che copriranno argomenti che spaziano dall'elettronica alla meccanica, dalla fabbricazione digitale alla tecnologia indossabile, dai dispositivi di quantified self al biohacking. Il legame con la smart citizenship é lampante: il tema del Summit di quest’anno sarà “Dall’Open Making all’Open Manufacturing”, ossia sul passaggio dal design aperto all’implementazione di modelli di produzione più intelligenti, ma soprattutto inclusivi da un punto di vista sociale e sostenibili da un punto di vista ecologico.

Parallelamente, sempre il 30 settembre e il 1 ottobre, si svolgerà Meet IoT (Meet Internet of Things), evento dedicato alle applicazioni  dell’Internet delle Cose  soprattutto in chiave di smart city e citizenship: infatti, fra i temi affrontati durante la conferenza internazionale, segnaliamo la smart mobility, lo smart building e la domotica, la tracciabilità alimentare. 

Co-design e partecipazione sono le parole chiave dell’evento “Social Innovation City” http://innovationweek.makerfairerome.eu/social-innovation-cities/ , che si svolgerà il 1 ottobre. Finalizzato a produrre la prima “Innovation Agenda” per la “Social Innovation City” del futuro, sarà organizzato sotto forma di working group impegnati a identificare gli elementi chiave per lo sviluppo di un ecosistema di innovazione ad impatto sociale in una metropoli. I temi affrontati da ciascuno dei 30 tavoli di lavoro sono: Making resilient cities and communities, Co-design methods, Open Data Management, Accessibility, Scaling Impact, Education Welfare & Youth Engagement, Cultural Heritage & Tourism, Impact Finance, Environment & Mobility, Food & Agriculture.  L'evento è realizzato in collaborazione con Impact Hub, la rete di centri per la Social Innovation più estesa al mondo, che opera da 9 anni in oltre 54 città su 4 continenti e annovera oltre 7mila membri.

Spazio alle start up fin-tech con SmartMoney, evento organizzato da StartupItalia! e dedicato all’innovazione in ambito economico finanziario. Il 1 ottobre le  migliori 14 startup fin-tech italiane presenteranno i loro progetti alternandosi con veri e propri  guru dell’innovazione: David Wolman (giornalista di Wired Usa e autore di “The End of Money”), David Orban (ideatore e advisor del Singularity Institute for Artificial Intelligence), Riccardo Luna (direttore di CheFuturo! e StartupItalia!, editorialista de La Repubblica).

Il “finale col botto” dell’Innovation Week è costituito dalla “Maker Faire” www.makerfaireroma.eu, che fin dalla sua prima edizione del 2013 ha attirato 36 mila visitatori. Quest’anno si attende la presenza di oltre 50mila visitatori. 

Maker Faire non è solo conferenze e seminari, ma anche tanta concretezza: negli oltre 70 mila metri quadrati del villaggio che sarà realizzato nel Parco della Musica saranno in mostra 600 invenzioni da tutto il mondo.  Tra i più originali, ricordiamo Adam il robot maggiordomo che si prende cura del comfort dei padroni di casa; Fonie, il phon che realizza selfie scattando foto in sequenza mentre ci si asciuga i capelli; CubeMate, il “cubo degli stati d'animo”; SolarMachine, la macchina per cucinare a energia solare; M.E.S.S.I., il CT  che monitora le prestazioni del team e ne analizza le tecniche di gioco; Social Cave, la grotta interattiva che facilita la socializzazione; SoundLight, la lampada che crea la giusta atmosfera per ogni occasione; Printer Drones, la cuffia per guidare con la forza del pensiero; Poly.Cloth, una app che aiuta a disegnare i vestiti in stile poligonale; Chimaera, lo strumento che produce musica extraterrestre; Bare Conductive, l'inchiostro elettrico che trasforma le idee in circuiti; C'monBoard, lo skateboard intelligente comandato a distanza dallo smartphone.