Rimedi per superare l'inverno

Articolo pubblicato il 01 marzo 2016
Articolo pubblicato il 01 marzo 2016

L'inverno sta finendo, in Europa però nessuno è immune ai malanni di stagione. La calma degli uffici è interrotta da colpi di tosse, mentre germi invisibili ricoprono ogni superficie. A voi però non interessa, non siete nemmeno in ufficio. Anzi, siete a casa avvolti in una calda coperta a guardare la vostra serie preferita su Netflix con in mano una tazza di... cosa?

Preparate i fazzoletti, gli ultimi freddi saranno inclementi con le vostre narici. Ogni anno nei mesi invernali è la stessa storia: difficilmente riuscirete a trascorrere 5 secondi in metro senza sentire un colpo di tosse o uno starnuto. A meno che non lavoriate da casa (o in un laboratorio di ricerca sterilizzato), è probabile che vi prendiate qualche malattia in ufficio.

Quando siete rintanati nel letto, c'è solo una cosa che può salvarvi dai brividi, dal sudore freddo e dal naso chiuso: qualcuno che abbia pietà di voi e che vi prepari un delizioso stuzzichino. Anche se foste costretti ad avventurarvi in cucina con le vostre gambe, trovereste qualcosa di veloce e facile da scaldare che risolva il problema alla radice e che liberi il vostro naso per benino. Scopriamo a che cosa si ricorre in Europa per riprendersi dal freddo.

La zuppa

Un primo sondaggio in ufficio svela uno dei campioni indiscussi: l'umile tazza di zuppa fumante, preparata a fuoco lento e con fibre in abbondanza. Un rimedio ricorrente in tutto il continente, anche se secondo la nostra editor polacca Pia, la zuppa è una sola: la zupa pomidorowa, la zuppa di pomodoro polacca, fatta con brodo di carne e tante verdure. Il profumino proveniente dalla pentola che bolle sul fuoco è sufficiente per liberare la mente.

Timo e aglio

Se ci spostiamo nel sud della Francia troviamo ancora sapori forti. Per Laura, la nostra responsabile di progetto, non c'è niente di meglio di un inebriante mix di timo e aglio. La scorsa settimana, temendo l'arrivo del raffreddore, è entrata in ufficio armata di confit d'ail, una purea all'aglio. Odori così forti potrebbero allontanare i vostri amici, ma sicuramente vi daranno la giusta carica.

Sorseggiare qualcosa di dolce

Rimanendo nel sud della Francia, l'editor Matt ci suggerisce un paio dei suoi rimedi "della nonna" preferiti. Se il problema riguarda lo stomaco, nulla batte un bel piatto di riso alle carote. Se invece si tratta della gola, allora optate per la bouillie au chocolat. Preparata con la farina di mais (e una punta di nostalgia), una tazza di cioccolata calda super densa – con spezie a piacere – è la soluzione perfetta nei freddi mesi invernali.

La mela grattugiata

Potreste trovare un'altra valida cura in Germania. La nostra stagista tedesca Anita giura che se a tormentarvi è lo stomaco, non c'è niente di meglio della geriebener Apfel, la mela grattuggiata. Grattuggiare la mela attiva le sostanze contenute nella sua buccia e quindi la produzione di pectina, un'ottima fonte di fibre. Otterete risultati migliori se lasciate che la mela grattuggiata si ossidi.

Accendere il bollitore

Si tratta di un vecchio luogo comune, ma per il nostro editor inglese Joseph, c'è qualcosa in cucina che ha dei veri poteri curativi: il bollitore. No, non è quello che pensate. Dimenticate le foglie di tè, l'elisir che vi aiuterà a scacciare il raffreddore è il Lemsip, una bevanda al limone ricca di paracetamolo. Se avete amici che vi vengono a trovare dal Regno Unito, una confezione di Lemsip è il regalo più prezioso che possiate ricevere.