Quale capo servito sui vassoi dell'Unione?

Articolo pubblicato il 19 novembre 2009
Articolo pubblicato il 19 novembre 2009
Tony Blair? David Miliband? Herman van Rompuy o Peter Balkenende? Chi sarà il presidente del Consiglio europeo? Stiamo per arrivare al termine di una lunga, epica, e parecchio antidemocratica telenovela. Ultima puntata il 19 novembre.

Il primo ministro svedese ha convocato un vertice europeo informale per il 19 novembre. Ordine del giorno: eleggere i candidati ai due posti di responsabilità vacanti, la presidenza del Consiglio europeo e l’alto rappresentante dell’Unione per gli Affari esteri. «Qualcun altro potrebbe essere eletto durante la cena prolungata del Consiglio europeo», ha annunciato, facendo capire che i candidati pronosticati dai media non sono gli unici presi in considerazione. Ci immaginiamo una tavolata di uomini di Stato che, mentre si godono un ottimo pasto, lanciano qua e là i nomi dei candidati che sostengono. Non è proprio l’esempio di una democrazia all’opera, ma la logica conseguenza della modalità di ratifica del Trattato di Lisbona. Dopotutto, perché cambiare improvvisamente le nostre abitudini, e impedire a coloro che fanno i re di organizzarsi una cena prima di dirci cos’hanno deciso?

CafeBabel Bruxelles sarà presente allo storico evento: seguilo live