Professione? Ebreo. Il superstite di Lubiana

Articolo pubblicato il 23 ottobre 2012
Articolo pubblicato il 23 ottobre 2012

È uno degli ebrei più noti Slovenia. Ma soprattutto è uno dei pochi. Sono 150 i membri registrati nella comunità ebraica slovena, che ha la sua sede a Lubiana. "Presto non ci sarà più nessun ebreo in Slovenia", teme il suo portavoce. Un ritratto.

"Pensa che gli ebrei di Lubiana abbiano una vita facile?". La sua è domanda è retorica. E lui* si risponde da solo con un sonoro "No", che non lascia alcun dubbio sulla sua amarezza. È un provocatore e, in quanto unico portavoce della comunità ebraica slovena, non potrebbe essere altrimenti. Lo incontriamo in un caffè della città vecchia di Lubiana. Pochi metri più dietro, si trova la targa della Židovska ulica, la strada ebraica.

Svastiche nel cimitero

Qualche settimana fa, quella targa in Židovska ulica è stata coperta da una bandiera palestinese - per il nostro interlocutore un atto di aggressione da attribuire a un movimento antisemita. E qualche tempo prima, ha trovato la tomba di sua madre imbrattata da svastiche. Nel 2005, sulle mura dell'unica sinagoga storica preservata in Maribor, furono trovate scritte con il messaggio politico "Ebrei fuori" e, accanto, "Gaza". L'odio contro gli ebrei in Slovenia ha una natura piuttosto astratta: quasi nessun ebreo vive ormai più a Maribor. La maggior parte dei pochi sloveni sopravvissuti all'Olocausto hanno lasciato la Jugoslavia dopo il 1945.

"In Slovenia l'antisemitismo ha una matrice di sinistra", dice il portavoce della comunità ebraica. "Si tratta di una tradizione socialista: attribuire agli ebrei del Medioevo la colpa per la politica dell'attuale governo israeliano". In Israele, si definisce di sinistra. L'antropologo ha vissuto in terra israeliana per undici anni e si è dedicato allo studio scientifico, in particolar modo sugli eschimesi. "Questo è quello che mi interessa. Ecco perché il mio tempo in Slovenia sta per finire. Qui per tutti sono solo il rappresentante ebreo. Sono ebreo di professione".

Il tabù dell'eredità ebraica

Quest'uomo di quasi quarant'anni è l'esempio di come si possa passare rapidamente dall'aver paura dello straniero alla comprensione dell'altro. Gli capita spesso di declinare inviti e ospitate in TV dove gli toccherebbe sostenere la sua immagine di "rappresentante" degli ebrei. Tuttavia, lui ha scritto e tradotto numerosi articoli e monografie sulla storia ebraica - da qui la sua dissertazione. "Il fatto che non vi siano libri equivalenti tradotti in sloveno la dice lunga sull'antisemitismo locale", spiega l'autore, che denuncia le difficoltà nel trovare una casa editrice disposta a pubblicare volumi sull'ebraismo. "Solo le pubblicazioni della chiesa cattolica sono supportate".

Non era così disilluso, quando nel 2002 fece ritorno da Israele nella sua terra, dove era nato nel 1973, lui, figlio di una famosa attrice slovena e di un politico. Da quasi un decennio, la comunità ebraica da lui diretta, sta lavorando a una riorganizzazione dei suoi spazi. I finanziamenti europei hanno permesso alla comunità di trasformare un ex-prefabbricato, in un vecchio palazzo, in una sinagoga provvisoria. In questi 70 metri quadrati, si trovano oggi il centro della comunità e l'area per la preghiera. Un rabbino viene regolarmente da Trieste a Lubiana.

Nessun impiegato nell'ufficio del Turismo sa dove si trovi la Sinagoga

La sinagoga è modesta, così come quello che resta della comunità nella società slovena. Non è facile rintracciare l'eredità ebraica a Lubiana. Nessun impiegato nell'ufficio del Turismo vi saprà indicare dove si trovi la Sinagoga. Per non parlare della domanda su dove si trovi il cimitero, dove sono sepolti anche cittadini ebrei, un interrogativo che causa nel migliore dei casi sorpresa. "Where are you from? From Jewishland?" (Da dove venite? Dalla terra degli Ebrei?, n.d.t.), chiede una guida turistica.

"La comunità è una facciata"

"All'inizio sembrava che la comunità avesse una possibilità realistica di farcela. Oggi è solo una facciata. Stiamo discutendo seriamente sull'eventualità di lasciar perdere tutto. Così la Slovenia sarebbe finalmente libera dagli ebrei", conclude rassegnato. E l'ultima frase la pronuncia in tedesco.

Secondo la sua interpretazione, gli sviluppi degli ultimi decenni sono stati solo una serie di tentativi, tutti vani, della comunità ebraica, che sperava di ottenere un risarcimento per quello che le era stato tolto. "Quello che vogliamo è l'indipendenza economica. Per ora siamo in bancarotta e non abbiamo nessun membro della comunità così ricco da poter pagare di suo queste spese." L'apice è stato raggiunto con gli atteggiamenti decisamente antisemiti da parte della popolazione ma anche tra le cariche politiche più alte.

"Il mediatore non ha rilevato nessun atto di violenza o offesa contro gli ebrei in Slovenia", così è riportato in un freddo commento del difensore civico Zdenka Čebašek-Travnik, che in tal modo dissente indirettamente al portavoce degli ebrei sloveni sul fatto che siano giunte querele al suo ufficio.

Una nuova diaspora?

La proposta di legge dello scorso marzo, sul divieto di circoncisione di giovani basata su motivi religiosi, è rimasta a lungo senza risposta. L'idea da sola, tuttavia, rispecchia "la sottile arte del ricordare al prossimo che non è il benvenuto", commenta il nostro interlocutore, mentre spiega come qui sia ridicolo, e inutile, ogni tentativo di ricorso al rispetto dei diritti umani. "L'ironia sta nel fatto che un ebreo in Slovenia sia un evento eccezionale. Chi, come ebreo, tiene alla propria religione lascia questo paese."

Tuttavia, lui stesso sembra dubitare dell'efficacia della diaspora. "In Slovenia ci si aspetterebbe l'assimilazione. Questo ha un impatto sul comportamento delle minoranze. In questo paese vi sono tra i 400 e i 600 individui con radici ebraiche, ma quasi nessuno è pronto a crescere i propri figli secondo la religione ebraica", conclude.

Immagini: in testa (cc)Tit Bonač/flickr; nel testo: Maribor (cc)tm-tm/flickr.