“Più libri più liberi”, a Roma la fiera della piccola e media editoria

Articolo pubblicato il 01 dicembre 2010
Articolo pubblicato il 01 dicembre 2010
Roma e le altre città italiane raccontate da scrittori stranieri di seconda generazione: è una delle tante iniziative previste dalla IX edizione di “Più libri più liberi”, a Roma da 4 all’8 dicembre 2009.

pil_ibri_piu_liberi.jpg Che cosa hanno in comune Amara Lakhous, Tahar lamri, Igiaba Sciego, Cristiana Alì Farah, Ismaila M’Bayee? Vivono in Italia da tempo e l’hanno raccontata nei loro libri con uno sguardo diverso, tracciando un ritratto originale del Belpaese e dei suoi abitanti. Sarà possibile ascoltare il loro punto di vista il 6 dicembre alle ore 18 presso la sala Diamante del Palazzo dei Congressi all’EUR. Ci saranno oltre 400 editori e più di 700 ospiti tra autori, artisti ed intellettuali che animeranno i 300 eventi in calendario. Il programma prevede anche grandi ospiti internazionali, focus e appuntamenti professionali dedicati al mondo dell'e-book e al futuro del libro e della lettura e laboratori e incontri per i più piccoli. Anche quest’anno la Fiera si apre alla letteratura straniera e, in collaborazione con l’ICE, propone per il sesto anno consecutivo il Fellowship Program, un’iniziativa dedicata ad un numero ristretto e qualificato di editori e agenti letterari internazionali che potranno visitare le realtà editoriali romane nei giorni che precedono la Fiera, cioè il 6 e 7 dicembre 2010. Potranno così incontrare i loro colleghi italiani per scoprire nuovi talenti, contrattare i diritti editoriali o per scoprire nuove opportunità di relazione e di mercato, trovare interessanti autori e libri italiani da tradurre e pubblicare all’estero.