Numeri che parlano da soli: il consumo di droga in Europa

Articolo pubblicato il 18 aprile 2016
Articolo pubblicato il 18 aprile 2016

La scorsa settimana l'Osservatorio Europeo delle Droghe e delle Tossicodipendenze (OEDT) ha pubblicato, in collaborazione con l'Europol, la relazione 2016 sull'impatto sociale del mercato della droga in Europa. Tra le molte informazioni contenute nel documento, si scopre che i cittadini dell’UE spendono ogni anno oltre 24 miliardi di euro in sostanze stupefacenti illecite.

Il rapporto degli europei con la droga è a dir poco stupefacente. La relazione dell'OEDT, presentata martedì 5 aprileBruxelles, contiene una miriade di informazioni sul mercato della droga in Europa. Ma di tutte queste cifre e statistiche, soltanto una cattura l'attenzione: i cittadini dell'UE spendono ogni anno oltre 24 miliardi di euro in sostanze illecite.

Una cifra incredibile che, secondo gli autori dello studio, dimostrerebbe come il mercato della droga resti «una delle minacce principali per la sicurezza dell'Unione Europea». Naturalmente questi 24 miliardi rappresentano un consumo ampiamente superiore a quello individuale degli abitanti dell'Unione, andando ben oltre gli affari degli spacciatori di quartiere. L’OEDT, la cui attività è sostenuta dall'Europol, non manca di sottolineare come il mercato della droga sia connesso ad altre forme di criminalità organizzata, nonché al terrorismo. In particolare, la relazione indica che i giovani radicalizzati di recente hanno spesso un passato di piccola delinquenza. Il consumo e lo spaccio di droga con cui si approcciano al mondo dell'illegalità li porta in seguito ad entrare a far parte di gruppi criminali e terroristici. 

Nel 2013, la cannabis rappresentava circa il 38% del mercato totale, davanti a eroina (28%), cocaina (24%), anfetamine (8%) ed ecstasy (3%). Di gran lunga la più diffusa, la cannabis è consumata quotidianamente dall'1% degli adulti europei. Stando alle statistiche, sarebbero 22 milioni i cittadini europei ad avervi fatto ricorso nell'ultimo anno.