“Non esistono argomenti tabù”: la Stand-up Comedy di Maurizio D. Capuano

Articolo pubblicato il 05 giugno 2014
Articolo pubblicato il 05 giugno 2014

Im­ma­gi­na­te­vi la scena: un pal­co­sce­ni­co in pe­nom­bra, un solo fa­scio di luce, una sedia (no, quel­la pro­prio no…), un mi­cro­fo­no e un uomo che – si spera per la riu­sci­ta del tutto – non ha freni ini­bi­to­ri. Me­sco­la­te que­sti in­gre­dien­ti e ot­ter­re­te una Stand-up co­me­dy.

La Stand-up co­me­dy (ora ca­pi­te per­ché della sedia non si sente la man­can­za) è un ge­ne­re di per­for­man­ce che vede un at­to­re – lo stand-up co­me­dian ap­pun­to – in­te­ra­gi­re di­ret­ta­men­te con l’au­dien­ce, fre­gan­do­se­ne della co­sid­det­ta quar­ta pa­re­te. Anzi la di­strug­ge pro­prio. Che abbia o meno un ac­com­pa­gna­men­to mu­si­ca­le, piut­to­sto che qua­lun­que altra cosa che sia di con­tor­no, la sola cosa che conta nella Stand-up co­me­dy  è l’a­bi­li­tà del­l’uo­mo sul palco. Quale abi­li­tà?                                                                                                       Far ri­de­re! Non pro­prio.                                                                                                                                                   Es­se­re sciol­to? Quasi.                                                                                                                                                       Mmm..​non avere freni ini­bi­to­ri? Esat­ta­men­te.

Sì, per­ché quel­lo che di­stin­gue la Stand-up co­me­dy dal ca­ba­ret­ti­smo spic­cio­lo è la sfac­cia­tag­gi­ne del co­me­dian nel fare bat­tu­te su tutto. Ma pro­prio tutto. Lenny Bruce, “THE ob­sce­ne comic”, e Geor­ge Car­lin in­se­gna­no. En­tram­bi ar­re­sta­ti a causa – o gra­zie – alle loro per­for­man­ce. Gli esem­pi di “au­ten­ti­ca” Stand-up co­me­dy sono mol­te­pli­ci, basti pen­sa­re a Moms Ma­bley, Bob Hope, Jack Benny, Frank Fay sul ver­san­te ame­ri­ca­no, e Eric Sykes, Peter Sel­lers e Tommy Coo­per, su quel­lo bri­tan­ni­co, per­so­nag­gi che ini­zia­ro­no a farsi stra­da nel pe­rio­do bel­li­co, du­ran­te i war­ti­me par­ties. L’e­len­co è an­co­ra lungo e ar­ri­va fino ai gior­ni no­stri at­tra­ver­so per­so­nag­gi del ca­li­bro di Woody Allen, Steve Mar­tin e Bill Cosby, mae­stri che hanno for­ma­to gente come Robin Wil­liams, Eddie Mur­phy e Chris Rock. Fa­cen­do un salto spa­zia­le dal regno di Sua Mae­stà e dagli Sta­tes al­l’I­ta­lia, e a Na­po­li in par­ti­co­la­re, tro­via­mo un per­so­nag­gio al­tret­tan­to sfac­cia­to e senza peli sulla lin­gua che ri­spon­de al nome di Mau­ri­zio D. Ca­pua­no.                                                                                   Maurizio è un… beh, la­sce­rei a lui la pa­ro­la. Fosse solo per go­der­vi le ri­spo­ste.

V:  Chi è Mau­ri­zio D. Ca­pua­no?

M: Sono un at­to­re, solo un sem­pli­ce at­to­re. Ed es­sen­do un at­to­re, come la mag­gior parte degli at­to­ri (quel­li scar­si come me), sono anche un di­soc­cu­pa­to. Ed es­sen­do un at­to­re scar­so e di­soc­cu­pa­to, sono anche in­caz­za­to. Ed es­sen­do in­caz­za­to, ho tante cose da dire. E se uno è in­caz­za­to e ha tante cose da dire, la Stand- up Co­me­dy è l’u­ni­co modo che ha per ot­te­ne­re figa.

Ades­so ci sta bene una foto. Una se­gna­le­ti­ca del per­so­nag­gio in que­stio­ne.

V: Il tuo punto di vista sulla stand-up co­me­dy?

M: Qui po­trei spa­ra­re qual­co­sa da finto in­tel­let­tua­le, ma dirò solo una cosa, e sarò as­so­lu­ta­men­te serio: è l’ul­ti­ma forma d’ar­te li­be­ra ri­ma­sta. (Zan zan!, ndr)

V: I tuoi mae­stri?

M: Mar­tu­fel­lo, Ezio Greg­gio e i co­mi­ci di Made in Sud. E Tony Ser­vil­lo.

V: Per­ché la stand-up co­me­dy?

M: Ri­cor­di la sto­ria della figa? Ecco, quel­lo.

Nel caso le ri­spo­ste vi la­sci­no per­ples­si non pre­oc­cu­pa­te­vi. Ho visto Mau­ri­zio esi­bir­si dal vivo e la­scia dav­ve­ro per­ples­si, so­prat­tut­to quan­do…ecco, vi ri­cor­da­te della sto­ria del “non avere freni ini­bi­to­ri”? Bene, Mau­ri­zio il freno non sa nean­che dove sia. E’ come…una mac­chi­na che sfrec­cia ad alta ve­lo­ci­tà lungo una stra­da de­ser­ta che si perde al­l’o­riz­zon­te. Pia­ciu­ta la me­ta­fo­ra? Ed è lui stes­so a con­fer­mar­lo.

V: Su cosa si fa oggi stand-up co­me­dy?

M: Puoi fare Stand-up Co­me­dy su tutto. Non esi­sto­no ar­go­men­ti tabù. Quel­lo che cam­bia è solo il lin­guag­gio usato per trat­ta­re que­gli ar­go­men­ti. Tutto è am­mes­so. Tran­ne i gio­chi di pa­ro­le: sa­pe­te che per ogni gioco di pa­ro­le, un co­mi­co vero, da qual­che parte nel mondo, co­min­cia a leg­ge­re Fabio Volo? Ri­flet­te­te su que­sto. E ver­go­gna­te­vi. E poi: nien­te doppi sensi né doppi sensi sui doppi sensi. Se vo­le­te fare Stand-up Co­me­dy vera, stu­pi­te il pub­bli­co con cose che non s’a­spet­ta: par­la­te dei rap­por­ti tra po­li­ti­ca e mafia e del­l’im­por­tan­za della “e” ac­cen­ta­ta e dei corsi ac­ce­le­ra­ti di qua­lun­qui­smo; par­la­te del­l’am­bien­te, del­l’ef­fet­to serra, del­l’in­qui­na­men­to, dei ca­ta­cli­smi, del­l’in­ver­sio­ne dei poli e di come il mondo sa­reb­be un posto mi­glio­re se im­pa­ras­si­mo fi­nal­men­te a fare a meno degli ani­ma­li­sti; par­la­te di scie chi­mi­che, alie­ni, re­li­gio­ne, ma non di­sde­gna­te, ogni tanto, di par­la­re anche di cose reali; par­la­te della guer­ra e di altri me­to­di con­trac­cet­ti­vi; par­la­te di froci e le­sbi­che, ma so­prat­tut­to di le­sbi­che; par­la­te di raz­zi­smo, e im­pa­ra­te a pra­ti­car­lo; par­la­te di cal­cio e di come lo sport in­se­gni a unire i pun­ti­ni sulla set­ti­ma­na enig­mi­sti­ca; par­la­te di cal­cia­to­ri, ti­fo­si e altri han­di­cap­pa­ti. E se vi ca­pi­ta, tro­va­te il tempo di af­fron­ta­re anche temi più al­le­gri, come la pe­do­fi­lia e lo stu­pro. In­som­ma, fun­zio­na più o meno così: il co­me­dian sale su un palco, pren­de il mi­cro­fo­no e co­min­cia a par­la­re, a spu­tar­ti in fac­cia un punto di vista che il più delle volte non ti pia­ce­rà, spe­cie se hai come mo­del­li di ri­fe­ri­men­to i co­mi­ci di Co­lo­ra­do. A un certo punto, ti sem­bre­rà quasi che quel mi­cro­fo­no te l’ab­bia­no in­fi­la­to su per il culo. E forse è così. Il se­gre­to è sco­pri­re l’as­sur­do, le con­trad­di­zio­ni della no­stra so­cie­tà, sma­sche­rar­le, e tor­na­re a casa in tempo per pic­chia­re la tua ra­gaz­za. E nien­te bat­tu­te su Bru­net­ta basso, cri­sto!

E che vuoi ag­giun­ge­re più. Se leg­ge­te il suo nome in giro…beh, an­da­te a ve­der­lo. Punto e basta.