Musica e balli per le minoranze culturali

Articolo pubblicato il 04 luglio 2005
Articolo pubblicato il 04 luglio 2005

Attenzione, questo articolo non è stato ancora editato, né pubblicato in alcun gruppo

Il recente revival di interesse per le minoranze ha dato origine a festival come quello degli Csángó, la minoranza ungherese in Moldavia. Unitevi alla vibrante celebrazione della loro storia.

È stata l’assimilazione e la diminuzione delle minoranze etniche ungheresi fuori dai confini del Paese magiaro ad ispirare due giovani ballerini ungheresi ad organizzare un festival che presenta le tradizioni delle minoranze e dei gruppi etnici che vivono fuori dal bacino dei Carpati . L’idea originaria era di preservare e ravvivare l’antichissima e ricchissima cultura degli Csángó moldavi, la popolazione di lingua ungherese che oggi vive in Romania. Attualmente la popolazione Csángó conta circa 250 mila persone, sopravvissute a innumerevoli vicissitudini nel corso degli ultimi secoli, tra cui la spietata dittatura di Ceausescu.

Verso la globalizzazione

Il 2005 segna il quindicesimo anno del Festival Csángó, che si tiene a Jászberény, una cittadina a 80 chilometri a est di Budapest. La portata del festival è diventata decisamente più internazionale dalle sue umili origini, con gruppi dalla Georgia, Finlandia, Macedonia, Portogallo, Slovenia, Spagna e dal Galles che hanno già preso parte a programmi culturalmente vivaci. Durante il festival, centinaia di ballerini e musicisti da tutta Europa si riuniscono per presentare e celebrare la diversità culturale, per scambiare opinioni sulla situazione delle minoranze, per discutere i loro problemi quotidiani e – “last but not least” – per incontrare nuovi amici.

Oltre a concerti e spettacoli ci sono lezioni di danze tradizionali, laboratori di artigianato e mostre organizzate per la grande gioia sia dei partecipanti che delle migliaia di visitatori. Quest’anno gli organizzatori hanno annunciato che oltre a gruppi dall’Ungheria e dintorni ci saranno anche artisti dalla Polonia, Turchia, Serbia-Montenegro, Francia e perfino dalla Colombia a indossare i loro costumi tradizionali e organizzare spettacoli di danza popolare. Anche i concerti di quest’anno promettono di essere interessanti, e prenderanno parte alla festa internazionale anche la Boban Markovic Orcestar e la famosa Szászcsávás Band.

Oltre a trasmettere valori culturali universali, il festival è una grande occasione per incontrare nuovi amici e divertirsi. La lingua universale della musica e della danza, il tratto caratteristico delle tradizioni etniche, l’atmosfera vivace di volti sorridenti fanno di quello di Jászberény un evento unico.

Il quindicesimo festival Csángó

Jászberény, Ungheria

Dal 4 al 9 Agosto, 2005

www.jne.hu