Marchionne, l'uomo in maglione che guida l'Automotive europeo

Articolo pubblicato il 09 luglio 2009
Pubblicato dalla community
Articolo pubblicato il 09 luglio 2009
Articolo di Filippo Lubrano L’uomo in maglione parla poco. Lo fa in inglese, la stessa lingua in cui pensa, e spesso dalla sua bocca escono numeri. I numeri che hanno fatto la fortuna sua, e di tutto il gruppo Fiat di cui è amministratore delegato dal 2004, anno in cui la casa torinese era sull’orlo del baratro.
5 anni dopo, l’uomo col maglione è a capo di una multinazionale che continua a rosicchiare quote di mercato in un contesto congiunturale quantomai sfavorevole per il settore.

Sergio MarchionneLa trasformazione in tempi record non è stata certo indolore: acquisizioni, scorpori, tagli di personale, cassa integrazione anche per i colletti bianchi. L’uomo in maglione ha la fama del duro, votato com’è al costruire un’azienda quanto più possibile orientata al mercato ed alla flessibilità. È anche per questo che l’ufficio 4.26 del Lingotto incute timore al solo nominarlo.

È da lì che Sergio Marchionne è partito per ribaltare la Fiat come un calzino, e provare a disegnare dal foglio bianco la sua idea di settore dell’automotive; da lì che ogni tanto si sente provenire un’aria di Gainsbourg, o un pezzo di classica. “Ma solo se il suono è perfetto”, precisa quasi pleonasticamente per un cultore dell’eccellenza come lui.

Classe ’54, cosmopolita, per due terzi europeo (italiano, svizzero e canadese), per un terzo filosofo (le altre due lauree sono in giurisprudenza ed economia e commercio, più un master in Business Administration), una passione – dicono – per il poker (“ma che poker e poker - ha più volte dichiarato - io adoro lo scopone scientifico”), Sergio “il martellatore”, come lo chiamano dalle parti del Lingotto, si è approcciato al mondo del lavoro tardi, a 31 anni, quando molti dei suoi “concorrenti” già assumevano posizioni di prestigio all’interno dei grandi gruppi mondiali. L’uomo in maglione invece ha affilato le armi a lungo, non lesinando sulla formazione (ancora oggi, la sveglia puntata alle 5 gli serve per concedersi il lusso della lettura mattutina di Financial Times, Corriere, Repubblica, Stampa e Sole 24 ore), ed è uscito allo scoperto solo dopo aver maturato un percorso proprio, lontano dai riflettori e dagli stipendi da capogiro. L’attesa ha aumentato la fame, ed è così che aperta la gabbia, l’uomo col maglione ha cominciato la sua caccia forsennata al risultato, alternando con la freddezza del natural-born-killer la calma del grande predatore alla spietatezza nei momenti che contano.

(continua la prossima settimana su cafebabel.com)