Mappa della settimana: si pensa giá all'Europeo del 2020?

Articolo pubblicato il 12 luglio 2016
Articolo pubblicato il 12 luglio 2016

Attenzione, questo articolo non è stato ancora editato, né pubblicato in alcun gruppo

Retrogusto amaro per i francesi, finale felice per  i portoghesi. L'Europeo 2016 non ha lasciato nessuno indifferente. La vita continua, e come d'abitudine, qualcuno sta giá pensando al prossimo europeo. La sua caratteristica? Non ci sará un paese ospitante, ma dodici. 

Da Bilbao a San Pietroburgo, passando per Londra. Con l'europeo 2016 finito, tra vari sentimenti ed una Tour Eiffel piú vuota che mai, c'é qualcuno che sta giá sognando il prossimo appuntamento.Fra quattro anni, nel 2020, il calcio europeo avrá l' "Europa" come scenario. Un compito  per niente facile, considerando i chilometri che separano il continente da un capo all'altro. Nuova sfida sportiva per il Vecchio Continente. 

Tutte le cittá che partecipano alla competizione, eccetto Londra, che organizza le fasi  finali nello stadio di  Wembley, acoglieranno le fasi a gironi. Cosí come, gli ottavi avranno luogo a Bruxelles, Copenaghen, Budapest, Amsterdam, Dublino, Bucarest, Glasgow, e Bilbao; e i quarti a Baku, Monaco, Roma, e San Pietroburgo

Gli organizzatori vedono  questa ripartizione come  un vantaggio, dal momento che non sará un solo  paese a  sopportare tutte le spese di organizzazione di tale evento. In piú parteciperanno anche quei paesi che non avrebbero potuto farlo in altro modo. Ma alcuni  tifosi hanno dimostrato il loro rifiuto, dal momento che la distribuzione delle partite in molti paesi, secondo loro,  cambierá l'ambiente e l'atmosfera.In ogni caso, é una buona scusa per collezionare cartoline, no?  

-----

Este artículo es parte de nuestra serie Mapa de la Semana, con la que echar un vistazo a la realidad europea que nos rodea.