Malta: il miglior trucco per una delusione

Articolo pubblicato il 27 settembre 2011
Articolo pubblicato il 27 settembre 2011
Dai crociati fino alla Seconda Guerra Mondiale, Malta è stata protagonista dell’Europa meridionale. Oggi, colma di teenagers che cercano di imparare inglese senza le nuvole britanniche, è l’esempio di uno straordinario lavoro di marketing turistico, dato che le sue meraviglie sulla carta si riducono a ben poca cosa quando si calpesta la sua terra calcarea.

Questa rivista si è immersa nelle sue attrazioni blu e avverte il viaggiatore circa una serie di aspetti.

grotto_blue.jpg1) L´acqua. Trasparente, cristallina, azzurro turchese e adatta allo snorkeling, specialmente nei suoi luoghi Blue, che sono tre e tutti presi d’assalto: Blue Grotto, Blue Lagoon nell’isola di Comino e Blue Window nell’isola di Gozo. Attenzione alle rocce per accedere a questi posti, si consigliano infradito da granchio e l’attrezzatura completa per lo snorkeling.

playa_roca.jpgplaya_arena.jpg

2) Trasporti. L’unico trasporto pubblico sull’isola è l’autobus di linea, di cui possiede il monopolio la ditta Arriva, parola che permette ai turisti italiani di ironizzare sul fatto che a volte questo autobus “non arriva mai”. Per quanto riguarda il prezzo, abbastanza accessibile, l’abbonamento settimanale costa 12 euro senza limite di viaggi, tuttavia se parliamo di frequenza e connessioni, è un’altra storia. È raccomandabile fare trasbordi nelle città di La Valletta e Sliema, specialmente se si desidera raggiungere qualche punto più distante da questi due nuclei urbani. La domenica in particolare, il numero di ore tra un autobus e un altro della stessa linea può superare le tre ore, pertanto si consiglia un taxi o un’auto a noleggio. Occhio a visitare Blue Grotto di domenica, non si riesce mai a sapere quando potrai tornare al tuo hotel… La guida timorosa e pericolosa. L’aria condizionata causa di faringite e scarsissima presenza di biciclette a causa dei ripidi pendii e della incidentalità stradale.

bux.jpg3)Pulizia e sicurezza. In ogni momento il viaggiatore si sente a proprio agio e tranquillo in tutti i punti dell’isola. Non si riscontra delinquenza. La pulizia in alcune strade lascia un po’ a desiderare per gli escrementi dei cani e i mozziconi sulle spiagge.

limpieza.jpg

pasticceria.jpg4) Cibo. “Take away” con prezzi piuttosto buoni. Un arancino 2 euro, porzioni di pizza, insalate. Se uno preferisce sedersi per mangiare carne o lo scarso pesce del Paese dalle grandi fortezze, ci si prepari a dodici euro a piatto come minimo.

grotto_blue_getne.jpg5) La popolazione. Di solito è molto gentile, collaborativa e sorridente.

hop_on.jpg6) Turismo. Sfruttamento estremo dei, letteralmente, tre punti di maggior affluenza di Malta, Blue Grotto, Blue Window e Blue Lagoon. È molto faticoso essere indipendenti a Malta, o sei coraggioso per guidare a sinistra, o sei irrimediabilmente condannato a formar parte di pacchetti turistici ingannevoli. Membri di questa pubblicazione hanno potuto verificare quanto sia esasperante cercare di andare liberamente alle isole di Comino e Gozo. La zona dei traghetti di Sliema è dove, teoricamente, si prendono i traghetti per andare su queste isole, ma è una trappola mortale…L’unica forma di accedere a queste isolette è cedendo alla pecoraggine turistica in cui trasporto sul traghetto e autobus costano in media 35 euro per quattro ore scarse di visita con tre di tragitto. Per quanto provassimo a chiedere informazioni al fine di andare per conto nostro, nessuno ci diceva la verità. Abbiamo scoperto uno degli ultimi giorni del nostro soggiorno che nell’estremo nordovest dell’isola c’è un porto con grandi navi con le quali la gente si sposta senza essere soggetta a bandierine e orari prestabiliti.

medina.jpg7) Architettura. Monocromatica. Pietra Limestone giallastra ovunque, è difficile distinguere in quale paesino ti trovi all’interno dell’isola. Medina-Rabat, splendida, città fortificata particolarmente curata ma di nuovo, attenzione viaggiatore, le catacombe di Rabat sono una truffa per 5 euro, in continua restaurazione. Ogni piccolo centro urbano possiede almeno due chiese, neoclassiche all’esterno e barocche all’interno. Bisogna mettere in evidenza la cattedrale di La Valletta, assolutamente spettacolare. Tutte dominate dallo scudo del Grande Ordine di Malta, i Cavalieri di San Giovanni.

valletta3.jpg

iglesia.jpg8) Feste religiose. Assolutamente cattolici, durante il mese di agosto i fuochi d’artificio e le sculture barocche si trovano per strada con gigantesche ghirlande. Si può notare molta gente a messa, molta devozione da parte dei giovani. Indicazioni sulle porte delle chiese su come vestirsi per entrare nel recinto sacro, pertanto si capisce che in tutta Malta è proibito il topless.

9) Apprendimento dell’inglese. Se sei italiano o spagnolo, evita di venire a Malta, non farai mai pratica dell’inglese, troppi concittadini deambulando.

valletta.jpg10) Zona di vita notturna. Saint Julian’s. Molta discoteca, molti ragazzini tra i 15 e 25 anni, disorientamento da alcool e altre sostanze. Se non ti piace la musica stridente evita e cammina per il lungomare, ti sentirai un po’ anziano per gli accompagnatori che troverai in questo luogo ma almeno potrai ascoltare le onde.

noche.jpg

Clara Fajardo/Elena Urbina

Traduzione: Lucia Giordano