Madrid a 50 euro

Articolo pubblicato il 22 agosto 2007
Pubblicato dalla community
Articolo pubblicato il 22 agosto 2007

Attenzione, questo articolo non è stato ancora editato, né pubblicato in alcun gruppo

Cosa fare con un cinquantone a Madrid? Sciare, mangiare, seguire le corse dei cavalli, visitare un museo e prendere un cocktail. Ovvio che quest'anno il biglietto da 50 sia stato quello più falsificato!

Piazza Mayor a Madrid (Foto di selectormarx/Flickr)

Per 6 euro: Museo nazionale Reina Sofía

Situato nella zona di Atocha, il Centro d'Arte Reina Sofía, prima sede dell' Ospedale San Carlos, accoglie la migliore selezione di arte moderna di Madrid. Potremmo considerarlo l'equivalente spagnolo del Centro Pompidou parigino o della Tate Modern Gallery londinese. Si possono ammirare le migliori opere di artisti spagnoli dell'ultimo secolo, quali Picasso, Miró o Julio González. L'opera per eccellenza è il Guernica di Picasso. Nel 1990, per dotare l'edificio di un'immagine affine alla sua modernità, sono stati costruiti gli ascensori di cristallo della facciata dell'architetto inglese Ian Ritchie. Così nel 2005 il museo è stato ampliato con tre nuovi edifici disegnati di Jean Nouvel.

Museo Reina Sofía (Foto Torchondo/Flickr)

c/Santa Isabel 52, 28012 Madrid

Per 4 euro: calamari e birra

L'antipasto di calamari è un piatto tipico della cucina madrilena. Molto semplice da preparare, consiste in vari strati di calamari unti e fritti, introdotti nel pane che si apre da un lato. Sono molte le birrerie in cui vengono preparate, soprattutto in centro. Uno dei posti più noti è El brillante ad Atocha. Può sembrare strano il fatto che una città che si trova a 500 chilometri dal mare abbia come piatto tipico i calamari. L'origine di questo piatto risale agli anni Quaranta, all'epoca in cui a Madrid si moriva di fame. E gli unici prodotti marittimi che arrivavano nella capitale erano proprio i calamari, il baccalà e un po' di tonno. I più economici erano i calamari.

El Brillante (Foto, Mainman in the night/Flickr): Glorieta del Emperador Carlos V nº8, 28012 Madrid

Per 23 euro: sciare a Xanadú

Ci sono molte alternative sportive alla portata di tutti. Ma senza dubbio la più attraente è quella offerta dal centro commerciale Xanadú, che dà la possibilità di sciare tutto l'anno. Non serve uscire dalla città, né aspettare l'inverno. Nella sua posta coperta, Madrid SnowZone, ci si potrà divertire tutto l'anno. Si tratta dell'unico complesso in Spagna, e del più grande esistente in Europa. Questo parco di neve è pensato per ogni tipo di pubblico, dai bambini e principianti, seguiti con telecamere, ai più esperti.

Foto Madrid Xanadú (Foto, xml_vzla2/Flickr): Autovía A-5, Km 23.5, Margen Izquierdo, Arroyomolinos, 28939 Madrid

Per 9 euro: gita all'ippodromo

L'Ippodromo della Zarzuela, inaugurato nel 1941, è stato per anni un'attrattiva della capitale. Finché 9 anni fa non sono state interrotte le corse, per il suo stato di abbandono. Ma dopo una rimodernizzazione lo scorso ottobre ha riaperto le porte. Da allora è tornata a Madrid la tradizione delle corse dei cavalli. Per 9 euro soltanto si compra il biglietto di ingresso, che permette l'accesso al recinto. Inoltre durante l'estate ci sono corse notturne.

Ippodromo della Zarzuela (Foto, Seisdeagosto/Flickr): Avenida Padre Huidobro s/n A-6, kilómetro 8, 28023 Madrid

Per 8 euro: andare a bere

E per finire in bellezza, niente di meglio che stendersi su un letto, o su un sofà pieno di cuscini, con musica chill out in sottofondo, in un ambiente tra l'orientaleggiante e l'arabo, candele profumate e luce rosata sotto soffitti di seta. Nel Club Areia, nella Calle Hortaleza, tra Chueca e Alonso Martínez, si potrà godere e rilassarsi dalla frenesia della vita metropolitana. Durante il giorno ci sono diverse possibilità gastronomiche: brunch fino alle 16,30. La sera i cocktail sono la specialità. Da Margarita a Tequila Sunrise, a Daikiri alla fragola, mango e banana, Piña colada, Caipirinha e Caipiroska, e altri ancora, oltre a una gran varietà di vini e cantine. Insomma, rilassarsi a Madrid non è così difficile!

Foto Areia (Foto, Vagamundos/Flickr): Calle Hortaleza 92, 28004 Madrid