L'Unione dei Federalisti Europei Più Forti Insieme in un’Europa Federale

Articolo pubblicato il 11 marzo 2009
Pubblicato dalla community
Articolo pubblicato il 11 marzo 2009
L’Europa deve essere più unita per poter affrontare l’attuale crisi economica e costituzionale. Questo è il messaggio dei federalisti europei alla vigilia delle elezioni per il Parlamento europeo. 1. Il trattato di Lisbona deve essere ratificato e applicato con grande efficienza e al più presto.
Con l’entrata in vigore del trattato l’Unione acquisirà speciali capacità ai fini di un intervento sulla scena mondiale. Sarà molto più potente, aperta e democratica. Se il trattato di Lisbona non entrasse in vigore, il Parlamento dovrebbe sollecitare senza alcun indugio una nuova Convenzione costituzionale.

2. L’UE deve agire in tempi brevi per effettuare una rigida e trasparente vigilanza dei settori bancario, assicurativo e dei valori mobiliari, che porti alla creazione di un’autorità comunitaria per la regolamentazione dei servizi finanziari. Il debole coordinamento attuale delle politiche nazionali deve essere sostituito da una politica macroeconomica comune. Per sostenere il piano di ripresa economica dovrebbero essere emessi titoli UE.

3. L’economia debole non è un buon motivo per tornare al protezionismo nazionale. L’UE deve impegnarsi a fondo per completare il mercato unico sotto il profilo finanziario, dei servizi, dell’energia e della proprietà intellettuale. Vi è un estremo bisogno di riforme strutturali del mercato del lavoro che creino una dimensione sociale europea, onde predisporre condizioni ottimali per un rinnovato investimento nel lungo periodo. È necessario inoltre riprendere le trattative con l’Organizzazione mondiale per il commercio.

4. L’UE necessita di una revisione radicale del proprio sistema finanziario. Bisogna trasferire un elevato volume di spesa dal livello nazionale a quello europeo per conferire all’UE un effettivo valore aggiunto. Una maggiore spesa congiunta a livello europeo significa minori sprechi legati agli sforzi disgiunti dei singoli Stati. Il bilancio comunitario deve disporre di risorse adeguate, finanziate dal federalismo fiscale, per poter sostenere politiche comuni volte a potenziare la competitività e creare posti di lavoro “verdi” in tutta Europa. Le risorse comunitarie devono essere spese in modo assolutamente responsabile.

5. Gli Stati dell’area dell’euro devono affermare la propria autonomia da coloro che non possono o non intendono adottare la moneta unica. L’Eurogruppo deve agire come un’unica entità nelle questioni monetarie mondiali e porsi a capo del processo di riforma del sistema monetario internazionale. L'UE dovrebbe incentivare la realizzazione di una rete globale di vigilanza prudenziale nelle aree valutarie, con l’obiettivo a lungo termine di creare un’unica valuta mondiale.

6. L’UE deve agire come forza trainante nei negoziati sul cambiamento climatico sotto l'egida delle Nazioni Unite. L'obiettivo consiste nel lasciare Copenhagen nel dicembre 2009 con l’approvazione internazionale di un pacchetto basato sul modello UE per la riduzione delle emissioni di carbonio, il risparmio energetico e un maggiore uso di risorse rinnovabili.

7. Il mercato unico deve essere esteso alle forniture energetiche affinché i consumatori possano beneficiare di un’industria più competitiva e interconnessa. L’UE dovrebbe investire direttamente in fonti di energia diversificate. Deve aiutare le società energetiche nella realizzazione di una grande rete europea e delle infrastrutture necessarie all’importazione delle forniture dall’Asia e dall’Africa.

8. Indipendentemente dalle sorti del trattato di Lisbona, è necessario potenziare il contributo dell’Unione alla pace e al disarmo a livello mondiale. Ciò implica uno sforzo orientato alla riforma delle Nazioni Unite e alla creazione di capacità civili e militari proprie affinché, ove necessario, l’Europa possa essere un conciliatore credibile.

9. Gli Stati dell’UE che dispongono della volontà politica e dei mezzi militari necessari devono formare un nucleo di base per la sicurezza e la difesa. Ciò contribuirà a modernizzare la NATO e conferirà maggiore stabilità alle relazioni transatlantiche. Qualora l’Irlanda respinga nuovamente il trattato di Lisbona, deve essere concordato con urgenza un trattato UE autonomo in materia di sicurezza e difesa, che coinvolga solo alcuni Stati membri.

10. L’Unione deve confermare gli impegni già assunti sul tema dell’allargamento, proiettando i valori, la stabilità e la relativa prosperità dell'UE in tutta l'area circostante. Una priorità fondamentale è il conseguimento di una riconciliazione fra le due comunità di Cipro, unite in una nuova repubblica federale.

11.La realizzazione di un’area comune europea di libertà, sicurezza e giustizia è appena agli inizi. L’UE deve delineare con urgenza una politica in materia di visti ed elaborare politiche comuni sui temi dell’asilo politico e dell’immigrazione legale e clandestina. Gli Stati europei devono agire insieme per combattere la criminalità internazionale e garantire una giustizia equa e la libertà civile per tutti. Una maggiore integrazione nella legge civile aiuterà le famiglie e i consumatori.

12. Il Parlamento europeo deve avvalersi delle nuove responsabilità e dei nuovi poteri democratici in modo competente ed energico, in particolare nell'elaborazione del programma della nuova Commissione. I deputati dovrebbero modificare la procedura elettorale del Parlamento affinché, nel 2014, un certo numero di deputati possano essere eletti da un’unica circoscrizione transnazionale. Tale riforma è fondamentale per rendere i partiti politici europei adeguati alle proprie finalità, per instaurare un contatto diretto con i cittadini e per conferire a questi ultimi maggior voce in capitolo sulla gestione dell’Europa.

L’Unione dei federalisti europei è un movimento politico sovranazionale dedito all’unificazione europea secondo un modello federale. Il presente manifesto è rivolto ai partiti e ai candidati che partecipano alla campagna per le elezioni del Parlamento europeo di giugno 2009. www.federalists.eu