Lost in Manboo: una vita in un Internet cafè

Articolo pubblicato il 04 maggio 2016
Articolo pubblicato il 04 maggio 2016

La maggior parte della gente spende al massimo un'ora o due negli Internet cafè di Tokyo. Migliaia d'altri la loro vita. Masata e Hitomi vivono in cubicoli di 4 metri quadri. Per loro il Manboo cafè è casa, nonostante dormano sul pavimento e l'arredamento sia composto da una scrivania, una sedia ed un pc. Lost in Manboo è il nuovo documentario di 99.media.

«Non mi piace stare sola, ma voglio avere uno spazio tutto mio... Sono sentimenti contradditori, ma il Manboo mi permette di conciliarli». Per alcuni il solo pensiero di vivere in un loculo di 4 metri quadri contenente null'altro che un computer potrebbe essere una preoccupante prospettiva distopica. Ma per Hitomi questo è uno spazio che può considerare "casa". La ragazza vive al Manboo Internet cafè, come altre migliaia di persone a Tokyo. I nostri partner di 99.media sono andati a conoscere i residenti del Manboo.

Il click di un mouse, il colpo di tosse di un vicino, il suono del forno a microonde comune in lontananza, questi i suoni che caratterizzano la routine quotidiana di chi vive in questi loculi. A parte ciò, ognuno è solo con sè stesso. «Stavo sfuggendo alla vita reale», dice Masata, «e sono finito qui». Non sarà una soluzione definitiva, ma per coloro che vivono tra gli scintillii dei neon accesi 24 ore su 24 del Manboo questa è l'unica casa che essi hanno. Per ora, quantomeno.

_

Cafébabel collabora con 99. media per proporvi una serie di docufilm.