Lo facciamo all'albanese o alla turca?

Articolo pubblicato il 07 settembre 2010
Articolo pubblicato il 07 settembre 2010
Possiamo viaggiare in giro per l'Europa seguendo le tracce lasciate dalla Storia o lasciandoci conquistare dalle bellezze naturali. Ma perché non esiste nessuna guida turistica che ci spieghi come si vive l'amore in Europa?

Dopo tutto, così vuole il luogo comune, ogni nazione ha le proprie tradizioni e peculiarità quando ci si ritrova in "orizzontale", e chi desidera sapere cosa succede nei diversi letti del continente, può ovviamente provare di persona. Certo, gli stereotipi nazionali sulle preferenze sessuali sono rimasti a lungo vivi nei nostri discorsi: così, quando ci si ritrova attorno a un tavolo, la specialità alla francese è spesso motivo di risate e maliziose fantasie.

In ogni caso, etimologisti e linguisti non sono in grado di spiegare con esattezza perché ogni nazione abbia una specifica reputazione relativamente a ciò che succede sotto la cintura. Più che altro si procede per associazioni di idee. Nessuno si stupisce del fatto, ad esempio, che la posizione del missionario venga spesso associata ai tedeschi e al loro proverbiale disciplina prussiana.  È meno eloquente, invece, il nesso che attribuisce all'incontro tra austriaci e francesi le pratiche sessuali Sado (Marquis de Sade)/Maso (...). Nei paesi del sud dell'Europa, il Latin Lover si gode i propri eccessi grazie anche al clima che infiamma corpi e spiriti. Gli antichi Greci, ad esempio, ci hanno lasciato diverse rappresentazioni visive di pederastia e per questo l’espressione “alla greca” viene usata in molte lingue europee per indicare un rapporto anale. Anche le spinte religiose possono svolgere un ruolo importante nella diffusione degli stereotipi sessuali. Il sesso "alla turca", ad esempio, significa in molte lingue che l’uomo impone con un comando la posizione che desidera.

Si tratta di una pratica certo discutibile dal punto di vista dell’emancipazione, ma meno assurda dell’idea che il sesso all’albanese consista nella stimolazione del pene attraverso un ginocchio femminile, mentre gli Italiani preferirebbero l’incavo delle ascelle... Certo è, che se tutti gli Italiani e gli Albanesi si dedicassero a queste pratiche, sarebbe decisamente un pericolo per la natalità dei loro paesi... D'altro canto, la Francia non avrebbe il più alto tasso di natalità al mondo, se i francesi privilegiassero farlo solo con la bocca.

La semantica sessuale è certamente spiegabile storicamente e culturalmente, al pari di altri stereotipi nazionali. Non da ultimo, però, nelle società multiculturali e nella generazione Erasmus, le pratiche sessuali hanno potuto nel frattempo mescolarsi. Quindi, ognuno potrebbe scegliere all’interno del mix sessuale europeo il preferito, senza limitarsi ad un solo modo di fare sesso. In questo modo, anche una guida europea del sesso sarebbe obsoleta e ognuno potrebbe molto abilmente godere, in tedesco, della propria esperienza di vacanza alla francese, in Spagna...

Illustratione: Henning Studte; Foto: Gil Calmon/flickr