La Spagna perderà milioni di euro della UE

Articolo pubblicato il 24 luglio 2009
Articolo pubblicato il 24 luglio 2009
Cati Kaoe L'incompetenza amministrativa della Spagna può far perdere ai suoi cittadini migliaia di milioni dei Fondi Strutturali che riceve da Bruxelles, secondo quanto ha informato il giornale digitale “EUobserver”.

Secondo questo giornale, la Commissione presenterà il prossimo venerdì una serie di cambiamenti nei procedimenti di gestione dei Fondi Comunitari. Fra questi, il prolungamento del termine fino a 3 anni per giustificare le spese realizzate, che la Spagna aveva sollecitato. Quando la Commisione Europea concede milioni di euro agli Stati, non lo fa con gli occhi chiusi. Bruxelles non si fida e per prima cosa anticipa solo una parte dei soldi perché i paesi paghino ed eseguano i progetti. Il resto lo dà alla fine, una volta che gli investimenti si sono realizzati, i progetti sono terminati e quando gli Stati hanno debitamente giustificato i loro conti. Con il regolamento da seguire che pretende la Commissione (solamente i nuovi stati della UE avranno 3 anni di tempo per giustificare le spese, il resto dei paesi invece ne avrà 2), la Spagna potrebbe perdere gran parte dei 6.300 milioni di euro che le erano stati assegnati per l'anno 2007. Teoricamente, per ricevere i soldi spesi durante questo anno, il Ministero delle Finanze spagnolo ha tempo fino al 31 dicembre 2009 per presentare i conti puliti. Anche se la Spagna aveva sollecitato un prolungamento di questo termine a 3 anni (fino al 2011), quando è apparso il testo della Commissione, non coglie quello che già sembrava negoziato. Dei 23 rapporti di pagamento che il Ministero delle Finanze doveva presentare entro il 31 dicembre, la Spagna ne aveva presentati 22. Il problema è che i funzionari europei ne hanno restituiti a Madrid 17 sperando di ricevere su di questi alcune spiegazioni, considerando che i meccanismi di controllo e la struttura degli organismi intermedi (le amministrazioni locali, regionali e nazionali che alla fine hanno speso i soldi) non erano molto chiari. Si può trattare di una grossa batosta per la Spagna, che ha incrementato enormemente la spesa pubblica negli ultimi mesi per far fronte alla crisi. Un buco di migliaia di milioni di euro incrementerebbe in modo importante il deficit spagnolo, tutto il contrario alle raccomandazioni comunitarie del Patto di Stabilità e tutto per colpa della burocrazia e della lentezza amministrativa.

Fernando G. Acuña

Traduzzione: Francesca Arduini