"La risoluzione della crisi dell'11 settembre dipende da Washington"

Articolo pubblicato il 30 luglio 2002
Pubblicato dalla community
Articolo pubblicato il 30 luglio 2002

Attenzione, questo articolo non è stato ancora editato, né pubblicato in alcun gruppo

Jannis Sakellariou, eurodeputato socialista membro della Commissione Affari Esteri, riconosce i limiti imbarazzanti dell'UE nella crisi post-11 settembre.

Jannis Sakellariou, membro del Partito Socialdemocratico tedesco (SPD), siede nelle fila dei Socialisti europei al Parlamento di Strasburgo. Fa parte della Commissione Affari Esteri, dei diritti delluomo, della sicurezza comune e della politica di difesa: in questa veste, ha concesso unintervista a café babel.

CAFEBABEL : A vostro avviso, qual è il peso dellEuropa nella composizione di un governo afgano provvisorio?

SAKELLARIOU : La composizione di un governo provvisorio riguarda anzitutto la responsabilità dei differenti gruppi etnici o delle personalità afgane. LUnione Europea non vi ha influenza.

CB : Qual è la portata delle implicazioni economiche per lEuropa in questa guerra?

S : Una guerra limitata allAfganistan non ha impatti sulleconomia europea.

CB : Dopo la sconfitta del regime dei Talebani, come giudicate il seguito di questa crisi internazionale e il ruolo dellEuropa?

S : La sconfitta del regime talebano non cambia il ruolo dellEuropa nella comunità internazionale. Riuscire ad arginare la crisi internazionale dipenderà essenzialmente dalla lungimiranza dei dirigenti americani.

CB : Fino a che punto la politica estera europea potrà esser influenzata dalle comunità islamiche radicate in Europa?

S : LUnione Europea intrattiene con i paesi mediterranei, nel quadro del processo di Barcellona, delle relazioni di partenariato quanto a politiche di sicurezza, economiche e sociali. In forza di queste relazioni e della situazione geografica così vicina, reputo possibile che le politiche estere europee siano influenzate dalle comunità arabe.

CB : Come giudica le relazioni fra gli Stati Uniti e lEuropa nel quadro della crisi e del nuovo fronte antiterrorismo?

S : LUnione Europea si è dichiarata solidale con gli Stati Uniti dopo gli attentati dell11 settembre. Le manovre unilaterali che si sono riaffermate negli ultimi tempi, così come il linguaggio molto differente che separa gli Stati Uniti dallEuropa, hanno condotto ad un deterioramento delle relazioni.