La playlist della settimana: We Wish You A Merry Kitsch-mas

Articolo pubblicato il 19 dicembre 2014
Articolo pubblicato il 19 dicembre 2014

Ehi, sappiamo bene quello che state pensando: ecco un'altra dannata playlist di Natale! Ma andateci piano! In onore delle feste, abbiamo selezionato alcune delle canzoni più stuzzicanti e spacca-timpani di tutti i tempi, dalle cover più brutte alla nostra amatissima Celine Dion.

Che dire, Merry Kitsch-mas!

Nessun Kitsch-mas puó dirsi completo senza Céline Dion. Ok, la prima canzone della nostra playlist non sarà una cover, ma si tratta comunque di una classica "trashata" natalizia offertaci dal duo più letale della musica delle feste: Andrea Bocelli e Celine Dion. Ecco a voi l'inno del Natale italo-canadese con tanto di acrobazie vocali di tutto rispetto.

The Prayer - (1998)

Il nostro prossimo, grande classico arriva direttamente da Billy Mack, lo strambo cantante di Love Actually. Coretti trash della band femminile là dietro inclusi.

Christmas Is All Around - (2003)

Questa vivace canzone polacca, by Skaldowie, vi farà venire voglia di saltare sulla vostra slitta insieme a famiglia e amici per dire "ciao" le feste che arrivano. Atmosfera anni '60. Edi ci propone la sua versione di questo classico. E non dimenticatevi di Rudolph. Święta Bożego Narodzenia!

Z kopyta kulig rwie - (1969)

La band britannica The XX ci propone la propria dolorosa e ansimante cover di un classico di Natale anni 80. Chi soffre di asma è avvertito: avrà bisogno del suo inalatore!

Last Christmas - (2012)

La Francia fa il suo ingresso nella nostra playlist grazie al cantante franco-canadese Garou che, con l'aiuto di un piccolo elfo musicista, dà fuoco al nostro albero di Natale prima che i regali siano stati scartati. Joyeux Noël!

Petit Garçon - (2014)

Synth anni '80, maglioni di Natale, sexy señoritas ispanico-messicane con tanto di permanente che muovono i propri fianchi  al ritmo di orecchiabili canzoni pop... cos'altro potreste chiedere come regalo di Natale? Pandora ci porta indietro, sulle spiagge di Murcia nel 1985.  Feliz Navidad a todos!

Los Peces en el rio - (1985)

Dai nostri vicini dell'Est ecco una delicata (e stonata) cover di una classico russo del Natale, registrato nel seminterrato di una chiesa siberiana.

В небе звезда - (2010)

Torniamo a Love Actually: per questa commedia inglese, la cantante Olivia Olson ha reinterpretato il classico inno natalizio by Mariah Carey. Il risultato? Sta a voi deciderlo.

All I Want For Christmas - (2003)

Quando i tedeschi reinterpretano i canti natalizi spagnoli, c'è davvero il rischio che si scateni l'inferno. È proprio difficile distogliere lo sguardo da questo disastro! Wolfgang Petry ci offre quella che potrebbe diventare a tutti gli effetti la versione più stramba di Feliz Navidad, con tanto di taglio anni '90, baffi e braccialetti colorati. Davanti a questo mix irriverente, le vostre orecchie potrebbero iniziare a sanguinare. Frohe Weihnachten!

Feliz Navidad - (1998)

Anche se questa gemma romena non è una cover, abbiamo pensato che Horia Brenciu meritasse, con tutti gli onori, il posto riservato al video di Natale più kitsch degli ultimi anni, difendendo la reputazione della Romania in fatto di competenza musicale. E, se non siete convinti, date un'occhiata a Cezar, direttamente dall' Eurovision del 2013

Noapte de Craciun - (2011)

Nonostante l'Italia sia rinomata per le sue doti musicali, questo piccolo gioiellino non rende assolutamente giustizia al Bel paese. Dagli italiani arrivano sempre musiche meravigliose, quindi questi artisti non hanno nessuna scusa. Comunque, in qualche modo, Dottor Zero Trash & Joe Natta sono riusciti a macellare l'italiano al punto da somigliare a dei Texani ubriachi che, in un bar, si menano con un teppista di Edimburgo. Buon Natale!

Babbo Nattal - (2012)

Christmas Eve Bonus

E per quelli che hanno ancora un po' di tempo prima di rannicchiarsi davanti al camino per la Vigilia, ecco due INTERI concerti scelti con cura per il loro stile puramente kitsch. 

In primis, i 45 minuti di speciale di Natale offertoci dalla Kelly Family. Questo gruppo di nomadi - dei bambini col loro padre che assomiglia misteriosamentea a Dio o a Babbo Natale -  messo insieme alla buona tra americani, irlandesi, spagnoli, tedeschi (ma dell'Est) e polacchi, ci benedice durante le nostre vacanze natalizie. Godetevelo! 

Christmas All Year - (1981)

E, alla fine, ecco la banda di preadolescenti più demoniaca della nostra playlist: The Vienna Boys Choir. Nessuna vacanza puó considerarsi tale senza un loro concerto, una tradizione più che consolidata in molte famiglie europee. Riprendendo il nostro tema di fine 2014, la nostalgia, ecco una versione del 1977. Nessuno esegue i canti di Natale come questi piccoli tedeschi!

Stille Nacht - (1977)