La Playlist del rientro: al lavoro!

Articolo pubblicato il 29 agosto 2014
Articolo pubblicato il 29 agosto 2014

Le vacanze sono finite (o quasi) e si rientra al lavoro. In questa playlist non troverete una via di fuga dalla triste realtà, ma semplicemente la conferma che il lavoro, alla fine, ricomincia sempre e che qualcuno vi capisce! 

Come ci ricorda il buon vecchio Henri Salvador: "il lavoro é la salute, non fare nulla significa preservarla e i prigionieri del lavoro non invecchiano". Le travail c'est la santé.

Come scacciare il Summertime Blues? Più di mezzo secolo fa ce lo speigava Eddie Cochran: la lezione é sempre valida!

"Lavora, consuma, crepa", oppure Money For Nothing, Dire Straits 

Belle & Sebastian ci raccontano la vita del colletto bianco. White Collar Boy.

Per tutti quelli che si sono svegliati bruscamente quando tutto era finito. Wake Me Up When September Ends, Green Day.

"L'estate é quasi finita, quasi andata. Si quasi scomparsa. Dove saremo quando l'estate sarà andata via?" Mentre cercate la risposta viaggiando con la mente, rispolverate gli immortali The Doors. 

"È un mondo difficile, vita intensa, felicità a momenti". Vi lasciamo alla filosofia di Tonino Carotone con Me Cago En El Amor. 

La sinistra non c'é più in Europa. Ma niente paura ci sarà sempre un Working Class Hero per voi. John Lennon.