La pillola del giorno dopo nei Paesi d’Europa

Articolo pubblicato il 04 marzo 2009
Articolo pubblicato il 04 marzo 2009

Attenzione, questo articolo non è stato ancora editato, né pubblicato in alcun gruppo

In Francia questo “contraccettivo d’emergenza” è disponibile senza ricetta medica e a un prezzo contenuto. In alcuni Paesi è carissimo, in altri – come nel Bel Paese – sottoposto a ricetta e con l’incognita dell’obiezione di coscienza. Aspettando la Festa della donna...

Quando si va in vacanza, soprattutto in Europa, si ha la tendenza a credere che non avremo alcun problema ad acquistare altrove ciò che possiamo procurarci senza difficoltà nel nostro Paese di origine: soprattutto nell’epoca dell’Unione europea e dell’area di Schengen. Ora, se l’Europa economica bene o male si costruisce, l’Europa degli usi e costumi non è che una sovrapposizione di singoli stati, fatto che spiega le differenze legislative, in particolar modo in materia di contraccezione e aborto.

Paese che vai, usanza che trovi

Prendiamo l’esempio della pillola del giorno dopo (levonorgestrel), la cui efficacia dipende dal tempo trascorso tra il rapporto sessuale e l’assunzione del farmaco. In Francia, a partire dal 1999, la pillola viene venduta senza prescrizione medica e costa meno di 10 euro; è ugualmente disponibile senza bisogno di prescrizione in altri 11 paesi europei (Albania, Inghilterra, Belgio, Danimarca, Finlandia, Grecia, Paesi Bassi, Norvegia, Portogallo, Svezia e Svizzera). Ma attenzione: la pillola del giorno dopo potrebbe essere presente a prezzi estremamente elevati (22 sterline in Inghilterra, 24 euro in Svizzera).

Al contrario, negli altri Paesi europei è necessaria una prescrizione medica, e l’obbligo di ricorrere ad un medico pone il problema dei tempi di reazione che intercorrono tra il rapporto sessuale e l’assunzione del contraccettivo d’urgenza. Nei weekend, di sera, nei giorni festivi, è spesso difficile trovare un medico e vi sono inoltre differenze tra paese e paese: se in Germania o in Austria si tratta solo di una semplice formalità, la stessa cosa non avviene ovunque, in particolar modo per quanto riguarda i paesi molto cattolici, dal momento che il Vaticano considera la pillola del giorno dopo come un aborto chimico.

In Italia, il medico può rifiutarsi di prescrivere la pillola del giorno dopo invocando l’obiezione di coscienza: così trovare un dottore che rediga una prescrizione può diventare un’impresa. La situazione è meno delicata in Spagna ma, anche lì, non è disponibile ovunque. Quanto all’Irlanda, Paese in cui l’aborto è illegale, la pillola del giorno dopo è autorizzata su presentazione di prescrizione medica, ma sappiate che assumerla potrà costarvi quanto una notte in albergo (costo totale della tariffa medica e della pillola). Quindi, un piccolo consiglio per evitare inconvenienti: mettete sempre in valigia questa famosa pillola del giorno dopo, in caso abbiate problemi con un preservativo.

Piccolo glossario pratico:

La pillola del giorno dopo si chiama The morning after pill o E.H.C, che sta per Emergency Hormonal Contraception in inglese; la píldora del día después in spagnolo; die Pille danach in tedesco; de morning-afterpil in olandese; La pilule du lendemain in francese.