La mia guerra contro Facebook

Articolo pubblicato il 17 marzo 2018
Articolo pubblicato il 17 marzo 2018

Questa serie di piccoli articoli ci serve per spiegarvi perché Cafebabel sta cambiando e a cosa assomiglierà il vostro magazini in futuro. Nuovi piani, nuovi volti, nuove sezioni e sicuramente, una nuova linea editoriale. Facile, no?

Hai mai combattuto un algoritmo? È un po' come giocare a shadow-boxing o letteralmente lanciare un sasso nell'acqua. Se dovessi usare la cultura pop, direi che sono un po 'come Edward Norton in quella scena di Fight Club - attenzione allo spoiler - mentre pensa di combattere contro Brad Pitt, e invece sta combattendo da solo.

Pensare alla strategia di un media indipendente sui social network non è un fiume tranquillo. È una discesa nelle rapide. Recentemente, Facebook ha cambiato il suo algoritmo per favorire i post di amici "stretti", familiari" ... Risultato: le pubblicazioni dei media come il nostro sono in via di estinsione dalle notizie dei nostri lettori (ma tu puoi aggiustarlo in questo momento). Il traffico dei nostri articoli a volte dipende da oltre il 60% da Facebook. Quindi abbiamo dovuto organizzarci. Ecco perché oggi abbiamo diversificato i nostri materiali promozionali: in una newsletter quindicinale e in un gruppo Facebook della community.

Questo ultimo esempio mostra come, come media indipendenti, siamo totalmente soggetti alla benevolenza dei giganti dei social network. A un certo punto, ha addirittura sfiorato la dipendenza. Abbiamo dovuto adattare costantemente i nostri contenuti a Facebook. Prima in termini di formato: foto quadrate, video adattati al cellulare. Poi in termini di contenuto: era necessario produrre contenuti "coinvolgenti", "divertenti",  lol. Nel 2017, siamo arrivati al punto di reclutare un editor video per rispondere a questa esigenza che tutti poi hanno identificato. Abbiamo dovuto imparare di nuovo come fare ciò che stavamo facendo, tradurre i nostri formati in video e reinventarci al costo di significativi sforzi editoriali e finanziari.

L'anno scorso, il tempo speso a pensare e ad attuare la strategia sui social network è stato notevole. Oggi tutti questi sforzi sembrano inutili dopo un semplice cambio di algoritmo e un post di Mark Zuckerberg. All'inizio dell'anno avevo ancora la sensazione di combattere contro i mulini a vento. Ma in seguito, ho accolto la notizia come una cosa eccellente. Nel 2018, ho finalmente smesso di contare esclusivamente su Facebook per far conoscere Cafébabel. Naturalmente resteremo lì, ma allo stesso tempo dedicheremo più tempo alla ricerca di nuovi argomenti, nuovi formati che ti presenteremo tramite piattaforme diverse da Facebook. Per costruire qualcos'altro, come nuove forme di partecipazione, altri servizi, eventi o nuove collaborazioni.

Sta a noi pensarci, ma questa crociata contro gli algoritmi mi ha insegnato alcune cose. Nel team, ora conosciamo meglio i nostri lettori e contributori, nonché ciò a cui aspirano. Facebook o meno, la vera sfida di questo nuovo anno sarà quella di riunire una vera comunità attorno a un giornalismo europeo, partecipativo e impegnato.

Ci seguite?