La Gran Bretagna rinforza le misure contro il terrorismo

Articolo pubblicato il 18 dicembre 2014
Articolo pubblicato il 18 dicembre 2014

Attenzione, questo articolo non è stato ancora editato, né pubblicato in alcun gruppo

In seguito al dibattito pubblico in merito alla riduzione dell'immigrazione nel Regno Unito, che ha provocato la separazione tra molte forze politiche, il Segretario di Stato inglese, Theresa May, ha annunciato l'espansione dei poteri della polizia per far fronte alla minaccia del terrorismo.

Innanzitutto Cameron intendeva chiudere i confini inglesi per bloccare l'entrata di nuovi immigranti, iniziativa estremamente criticata dal Cancelliere Angela Merkel che lo mise in guardia di fronte al tentativo di agire contro i principi fondamentali del movimento libero dell'Unione. Recentemente, e con un nuovo progetto, l'Inghilterra ha deciso di rafforzare le proprie forze politiche per reagire di fronte ai vari estremisti che stanno rientrando dalla Siria e dall'Iraq. Secondo le autorità inglesi, il pericolo oggi è più grande che mai e il paese deve essere pronto a tutto.

In seguito al regolare processo governativo, il Parlamento ha ricevuto un nuovo programma antiterrorismo. "Quando i servizi segreti e di intelligence ci avvertono che la minaccia che dobbiamo affrontare è oggi più pericolosa che mai, persino dopo l'11 Settembre 2011, dovremmo prestare attenzione", ha dichiarato il Segretario di Stato inglese durante un incontro a Londra.

Un passo verso un sistema di sorveglianza?

Dopo l'annuncio di questa decisione protettiva, un attentatore suicida ha attaccato un veicolo dell'Ambasciata inglese a Kabul, il 27 Novembre, l'ultima esplosione in una crescente campagna di violenza nella capitale afgana, hanno dichiarato le autorità. Inoltre, secondo Scotland Yard, due uomini, residenti in due indirizzi diversi nella zona sud-est di Londra, sono stati trattenuti dalla polizia. Uno è stato arrestato per sospetta organizzazione o istigazione di atti terroristici. L'altro è stato arrestato per sospetta cospirazione, possesso e divulgazione di documenti fraudolenti. In seguito, altri due uomini sono stati arrestati solo due giorni prima del Remembrance Sunday, sospettati di pianificare un attacco in terra inglese.

Considerando le elevate possibilità di un imminente attacco terrorista, la Gran Bretagna ha deciso che è giunta l'ora di potenziare le misure di sicurezza che presumibilmente potrebbero dare alla polizia il potere di procedere all'identificazione personale dei sospetti, rafforzando le ricerche online. Gli ufficiali britannici temono il ritorno dei militanti inglesi forti dell'esperienza dei combattimenti nei paesi del Medio Oriente e il loro eventuale coinvolgimento in attacchi terroristici in Gran Bretagna. Ciò nonstante, il Regno Unito è una delle nazioni che supporta interamente i gruppi legati ad Al-Qaeda contro il governo siriano.

Una tale espansione dei poteri della polizia giunge in un momento di divergenze politche all'interno del Regno Unito, e nonostante la minaccia di terrorismo possa essere una spaventosa realtà, è molto proabile che Cameron abbia utilizzato questo serio pericolo per controllare il suo equipaggio politico. Annunciando una espansione dei poteri giudiziari per evitare un possibile attacco terroristico, Cameron sta già spianando la strada all'implementazione di un sistema di sorveglianza. La prossima mossa sarà il freno sull'immigrazione?