[ita] Perdere il Brussels Summer Festival? Mai

Articolo pubblicato il 05 ottobre 2017
Articolo pubblicato il 05 ottobre 2017

Attenzione, questo articolo non è stato ancora editato, né pubblicato in alcun gruppo

Per la 16° edizione, il Brussels Summer Festival ritorna con una programmazione eccezionale. Quest'anno, giungeranno nel cuore di Bruxelles per il solo festival agostano più di 120 000 spettatori. Per la manifestazione di 10 giorni che animerà la città, abbiamo redatto dieci motivi per partecipare.

La diversità, parola chiave del festival

Il BSF ti si addice per forza perché c'è di tutto: dal rock, al pop, dal hip-hop, all'elettro, al jazz... La musica è tanto varia che non potrai non amarla. La diversità musicale rimanda all'immagine di città cosmopolita di Bruxelles. Grazie a questa programmazione eclettica, troverai per forza il buonumore, e potrai pure scoprire altri stili musicali.

L'occasione di approfittare dell'estate restando a Bruxelles

Non parti quest'estate per le vacanze? Non essere triste ad ogni modo potrai approfittarne. Il pass 10 giorni ti permette l'accesso al festival, ma offre pure delle riduzioni presso i partner. Il pass ti concederà delle riduzioni in una ventina di musei, e in altre attività come le escape room. Puoi scoprire tutti i vantaggi qui.

Un festival eco-responsabile

Come la maggioranza dei festival, il BSF ha scelto di utilizzare delle eco-tazze. Questi bicchieri riutilizzabili permettono di ridurre i rifiuti, e "tenere in ordine" il festival. Il servizio di pulizia della città di Bruxelles garantirà la ripulitura dei vari spazi per tutta la manifestazione in modo che le strade della città siano rispettate. Riguardo ai mezzi di trasporto pubblico, la rete STIB potenzierà il servizio di bus NOCTIS in modo che i partecipanti possano dopo il festival fare tranquillamente rientro.

Una programmazione stuzzicante

Nomi prestigiosi dello scenario belga o internazionale saranno presenti durante questa 16° edizione. Nella lista troviamo Puggy, Boulevard des Airs, Jain, Henry PFR, Milow, Trust, MHD… e tanti altri. La programmazione ha infatti un punto di forza nella diversità degli artisti che pur provenienti da universi opposti si combinano.

La città funge da arredo

La cornice del festival è inedita. Assistere ad un concerto dall'alto di Mont des Arts, rende bene l'idea! Il BSF permette di scoprire la città sotto una nuova luce, e i concerti hanno tutt'altro sapore in queste leggendarie ambientazioni. Si svolgono in quattro posti diversi: alla Place du Musée, alla Madeleine, al Mont des Arts e alla Place des Palais.

L'occasione per scoprire nuovi artisti

Il vantaggio dei festival, è anche quello di scoprire dei nuovi artisti. Che si tratti di artisti emergenti, o giusto di artisti che ancora non sono ben noti, il BSF permette di diversificare le playlist di ciascuno di noi. Questo festival potrebbe essere pure occasione di una cotta musicale, perché no.

Il BSF magari è l'occasione per dare finalmente un volto alle canzoni che conoscono tutti, senza davvero riconoscerne l'artista. Il grande pubblico ha conosciuto il brano "Welcome Home" grazie alla pubblicazione di un annuncio di macchine fotografiche. Radical Face sarà presente al BSF, una possibilità per scoprire il suo universo.

Un festival meno costoso di una settimana di vacanze

Per più di 90 concerti, i prezzi restano abbordabili. Il pass 10 giorni è di 62€ fino al 5 agosto. Sapendo che il festival è in pieno centro cittadino, non c'è bisogno di pagare la sosta per il campeggio (come nella maggior parte dei festival). Qui, hai solo bisogno del pass e dei trasporti pubblici!

Il vantaggio dei concerti all'aria aperta

Il mese di giugno è stato molto caldo, e rischia di continuare così tutta l'estate. Il BSF propone degli allestimenti all'aperto, un'argomentazione da non trascurare! Sarà più facile respirare all'aria aperta, e sarà più piacevole godersi i concerti.

Godersi la canzone "Bruxelles" dei Boulevard des Airs

Il gruppo francese ha pubblicato il suo terzo album nel 2015 intitolato "Bruxelles". L'anno scorso, la canzone omonima era in loop su tutte le radio. Il 14 agosto la loro tournée finì con il Brussels Summer Festival. Sarà l’occasione di ascoltare dal vivo la canzone  Bruxelles… a Bruxelles !

Il sorprendente logo del festival

Il logo del festival è straordinario! Emmanuel Romeuf ha creato questo logo in omaggio al 50° anniversario della scomparsa di René Magritte. Il Museo Magritte si trova d'altronde in Rue de la Régence, al centro del festival. Fra due concerti, ci sarà l'occasione per dargli un'occhiata.

Sei convinto? Non ti resta che chiedere il tuo pass! Sono disponibili i pass 10 giorni, ma ci sono ugualmente dei pass giornalieri per vedere esclusivamente il proprio gruppo preferito. Puoi trovare tutte le informazioni sul sito del BSF. Non dimenticare di scaricare l'applicazione che ti permetta di organizzare il tuo programma in base ai concerti che non ti va di perdere.