[ita] Noi diciamo sì a Sant Jordi!

Articolo pubblicato il 24 giugno 2015
Articolo pubblicato il 24 giugno 2015

Attenzione, questo articolo non è stato ancora editato, né pubblicato in alcun gruppo

Il 23 aprile in Catalogna non è un giorno qualunque. È Saint Jordi, un autentico San Valentino spagnolo. Per i catalani è l'occasione di celebrare il patrono dell'amore.

In Catalogna, il giorno degli innamorati non è il 14 febbraio, giorno di San Valentino, ma il 23 aprile Saint Jordi è il giorno in cui le coppie celebrano il loro amore. Secondo la tradizione, gli uomini regalano alle donne una rosa e queste ricambiano con un libro. La rosa rappresenta l'amore, il libro la leggenda di Saint Jordi. In questo giorno i venditori di rose si riversano nelle strade e le librerie installano chioschi per vendere i loro libri.

La leggenda racconta di un piccolo regno minacciato da un drago. Ogni settimanamil drago mangiava le greggi di pecore del regno, fino a che non rimase nessun animale. Per questo, il drago decise di nutrirsi delle più belle giovani del regno e scelse a caso la principessa, la più bella di tutte. Motivo per cui il giorno seguente si presentò al castello un valoroso e aitante giovane di nome Jordi che diceva di essere uno sterminatore di draghi. Il re, spinto dal desiderio di salvare la figlia, decise di dargli fiducia.

Jordi ideò dunque una strategia per uccidere il drago e, quando la principessa venne condotta al cospetto della bestia, apparve il cavaliere che impugnava la spada in sella al suo destriero. Ci fu un violento scontro, dal quale Jordi uscì vincitore dopo aver assestato al drago un colpo mortale al cuore. Dal sangue che sgorgò dal mostro sul terreno nacque un roseto e Saint Jordi, ormai innamorato, colse una rosa e la porse alla principessa come simbolo del suo amore.

Immagine di Silvia Sartorio Coral