[ita] María Valverde: la conferma di una stella 

Articolo pubblicato il 17 febbraio 2016
Articolo pubblicato il 17 febbraio 2016

Attenzione, questo articolo non è stato ancora editato, né pubblicato in alcun gruppo

La madrilena María Valverde non ha ancora trent'anni ma già più di trenta ruoli all'attivo al cinema, in cortometraggi o in serie TV, da lei, in Spagna e all'estero. 

A sedici anni, nel 2003, María Valverde ottiene il Goya come migliore attrice esordiente per il suo ruolo nel film La Flaqueza del bolchevique. Nel 2009, interpreta Flamma in Cracks affiancando Eva Green e recentemente Séphorah nel kolossal americano Exodus : Gods and Kings di Ridley Scott con Christian Bale. A inizio 2016, Ali and Nino di Asif Kapadia (il regista del documentario Amy), una storia di amore tra un giovane nobile e una principessa georgiana girato soprattutto in Azerbaijan e in Turchia, è stato presentato al Sundance.

CaféBabel: Puoi parlarci un po' della tua esperienza da Shooting Stars oggi? 

María Valverde : E' molto piacevole, sono veramente molto felice di aver potuto essere qui per incontrare le attrici e gli attori di Shooting Stars, perchè sono fan di alcuni di loro ! (Ride) E' davvero interessante passare un po' di tempo con loro, di poter condividere le nostre esperienze. 

CaféBabel: So che apprezzi particolarmente Meryl Streep. Hai già avuto occasione di incontrarla o di parlarle? 

María Valverde : No, non ancora!  Ma l'ammiro talmente tanto che se lo incontrassi non so se riuscirei a parlarle. Probabilmente resterei lì a guardarla senza dire niente. 

CaféBabel: Forse la incontrerai stasera alla proiezione di Alone in Berlin...

María Valverde : Forse, non so. Solo al pensiero divento nervosa! (Ride) Mi piace veramente molto. 

CaféBabel: E' importante, per te, vederla presiedere la giuria internazionale del festival? 

María Valverde : Sì. Mi sembra che si vedano sempre più donne - leader e sono molto contenta che questo succeda sempre più spesso. E soprattutto con una donna come lei, che è un'icona. Credo sia perfetto per il festival averla come presidente. 

CaféBabel: E' una causa che ti interessa, il ruolo delle donne nel mondo del cinema? 

María Valverde : Sì. (Riflette un momento). Spero di poter diventare una donna che ispira gli altri... Sono veramente contenta di vedere donne come Jennifer Lawrence, Emma Thompson o Meryl Streep battersi per i nostri diritti e ispirare un sacco di altre persone. Sì, è un vero obiettivo di vita diventare questo tipo di donna.

CaféBabel: C'è qualcosa che conta anche nella scelta dei tuoi ruoli?  

María Valverde : Non saprei... Ma sì, mi piacerebbe che ci fossero più ruoli femminili interessanti, ruoli di donne forti, potenti. Perchè spesso succede di leggere delle sceneggiature nelle quali i ruoli più interessanti sono quelli maschili. E a volte è ingiusto. Ma credo che oggi le cose cambino... Lentamente, ma cambiano, in particolare grazie a queste donne, e noi dobbiamo esserne molto riconoscenti. 

CaféBabel: Puoi parlarmi della tua carriera precedente, di ciò che ti rende fiera nelle sfide già colte? 

María Valverde : Sono fiera di tutta la mia carriera. Sono già 13 anni che sono attrice e appena posso scegliere un ruolo scelgo il più difficile, quello per il quale dovrò prendere dei rischi. E' quello che conta per me. Non scegliere la facilità. Andare in paesi stranieri, lontani, girare nel mezzo della giungla... ciò che è più difficile per me è ciò di cui sono fiera, mi fa cambiare, mi fa evolvere come persona. Non so quanto durerà questa carriera, ma ho veramente voglia di approfittarne il più possibile. 

CaféBabel: Non c'è motivo per cui non debba durare ! (Sorriso) Quali sono le sfide o i progetti futuri?

María Valverde : Ho un progetto con Mélanie Laurent, in France. Dovrò imparare il francese! Spero di riuscirci! E ho tre film che usciranno presto. Ecco ciò che ho voglia di fare: continuare a lavorare in tutto il mondo, viaggiare, imparare... 

CaféBabel: E ci sono dei registi in particolare con cui ti piacerebbe lavorare? 

María Valverde : Oh sì! Vorrei tanto lavorare con Iñárritu ! (Ride).