[ita] Le BSF à travers leurs yeux

Articolo pubblicato il 22 settembre 2017
Articolo pubblicato il 22 settembre 2017

Attenzione, questo articolo non è stato ancora editato, né pubblicato in alcun gruppo

La 16esima edizione del Bruxelles Summer Festival ha avuto luogo dal 6 al 15 agosto. CaféBabel ci è stato per voi e abbiamo chiesto aiuto per redigere quest'articolo. Chi è il più adatto a parlare di un gruppo o di un'artista? I suoi fan ovviamente! Grazie alle foto e alle testimonianze rivivremo il festival estivo per eccellenza a Bruxelles.

L'energia di Goose

Duranta il primo giorno, nella Place des Palais ha risuonato a ritmo di elettro-pop di Goose. il quartetto belga è riuscito a infiammare la scena del BSF (Bruxell Summer Festival). a suon di tastiera elettronica. Formatosi nel 2000, il gruppo sembra trarre ispirazione nella musica dei Depeche Mode. I ritornelli delle loro canzoni sono cantati a squarciagola da un pubblico infervorato. Goos ha saputo mettere d'accordo i fan più di sempre e i curiosi: l'elettro pop non è ancora vivo! 

La generosità di Milow 

Milow danno se stessi sul palco ! La parola d'ordine del concerto: la condivisione. Il pubblico si ritrova ad essere parte della band. Affiancata da quattro musicisti e una corista, il cantante fiammingo ha fatto danzare Mont des Arts. L'interprete di "Howling at the moon" è stato formidabile sia in scena che con il pubblico; é molto raro vedere un cantante che parla al suo pubblico tra una canzone e l'altra per farsi notare! Un fiammingo che canta in inglese e parla in fancese con il pubblico è davvero unico!

Il rock di The Jesus and Mary Chain 

Quest'anno il gruppo britannico era al BSF per presentare "Damage and Joy" , il loro nuovo album che i fan hanno atteso epr ben....19 anni! Il rock alternativo della loro musica ha inncatato il pubblico riunito a Place des Palais. Il cantante Jim Reid era tuttavia molto timido sul palco. Nonostante fossero presenti in numerosi, i contati son il pubblico sono stati pochissimi. Comunque , il gruppo scozzese ritorna in scena con un nuovo album , il settimo, che sembra aver conquistato i veri intenditori. 

La sorpresa di Puggy

Era uno dei concerti più attesi dell'anno, e non ci ha lasciati a bocca asciutta! Puggy si è esibito in Place des Palais accompagnato da Didier Liking & the Wings Gospel Choir. Il trio belga ha suonato alcuni vecchi pezzi (When you know, o How I needed you), e altresì canzoni presenti nel loro nuovo album "Colours". Alcune canzoni sono già note al pubblico e i fan non hanno esitato a cantarle. Sono giunti in numerosi per assistere al concerto di uno dei gruppi belga più conosciuti all'estero.

Il cambio garantito da Delta

Il pop-rock francofono non ha nulla di cui preoccuparsi! Il duo belga, accompagnato da altri due musicisti era uno spettacolo assicurato a Mont des Arts. é molto raro trovare dei nuovi artisti che cantano in francese, e nel caso di Benoît et Julien è una scommessa vinta. Il gruppo ha presentato il loro primissimo album che uscirà il prossimo 27 ottobre. Tra passeggiate e musica d'incoraggiamento il pubblico non ha esitato fingersi corista. Il duo energico ha attirato il pubblico che sembrava essere sotto incantesimo alla fine del concerto. A parer mio è la rivelazione del BSF 2017!

I saluti dei Boulevard des Airs

Dopo circa due anni di tournée, il gruppo francese Boulevard des Airs ha concluso con l'ultima tappa al BSF. Quest'ultima tappa è stata molto significativa! Il loro terzo album , la loro tournée e uno dei loro singoli si chiama "Bruxelles"; era quindi più che naturale terminare in questa città che ha portato loro tanta fortuna! Boulevard des Airs (o BDA per i più intimi), è un gruppo composta da nove musicisti che danno tutto se stessi. con il loro dinamismo che li contraddistingue il gruppo ha infiammato la scena a Mont des Arts. Il pubblico si è lasciato trascinare dal ritmo saltando e cantando...a beneficio del gruppo, l'ultimo pezzo con cui hanno lasciato la scena è stato "Ce n’est qu’un au revoir" !