[ita] la rivoluzione sociale IRROMPE tra le STRADE di minsk

Articolo pubblicato il 23 novembre 2013
Articolo pubblicato il 23 novembre 2013

Attenzione, questo articolo non è stato ancora editato, né pubblicato in alcun gruppo

"Bevi. Chiacchiera. Ama". Sembra quasi lo slogan di un bar, vero? O forse di una comunità di edonisti? Difatti, si tratta del nome di una riunione settimanele di couchsurfer di Minsk. Potrebbe sembrare un argomento di poco conto ma sta generando non pochi scandali nella città. O forse dovrei parlare di vibrazioni positive?

Percorro Revolution Street e non sono lontana dalla mia meta - Minsk’s TNT Bar. Penserete che stia andando a vedere un concerto rock. O a prendermi un bel pezzo di motociclista barbuto. Ma niente di tutto ciò. Sto andando al "Bevi. Chiacchiera. Ama", l'incontro settimanale di couchsurfing che si tiene ogni mercoledì. Ci provo ogni settimana. Il traffico che ostacola la mia vita in eusto momento rende tutto più complicato, ma ce la metto tutta. Un paio d'ore sono perfette per conoscere qualcuno di interessante. Questo è il tipo di evento che mi fa rendere conto del fatto che il mio paese non esiste solo nei miei occhi, ma anche in quelli di americani, italiani, australiani, francesi ecc. Quello che mi ha colpito è che la gente vede il mio paese come un posto speciale. E questo non fa che riempirmi di orgoglio.

Potrebbe suonare strano ma trascorrere del tempo a Minsk non è semplice per turisti ed espatriati. Trovano difficile entrare nella cultura, problematica aggravata dal muro della lingua. Tra lo stress e lo shock culturale poco piacevole, vivere a Minsk può risultare duro. E quindi cosa si può fare? Gli incontri "Bevi. Chiacchiera. Ama" risolvono senza dubbio in parte il problema.

Il nome dell'evento incarna il modo in cui intrattenimento e comicazione siano sinonimi. Chiacchierare è divertente! La prima volta che ci vai non devi avere timore - Malvina, l'organizzatrice ti farà sentire l'ospite più gradito e desiderato. Se vuoi parlare russo o sentire lo spirito russo, allora è meglio che parliate con Vitalik, un tipo dalla risata sguaiata e dai pensieri profondi. Vitalik ama questi incontri perché ti danno la possibilità di essere un animale sociale e di aggirarti facilmente tra i vari gruppi fino a che non trovi quello adatto a te. Non c'è bisogno di sforzarsi di trovare argomenti o compagnia in un ambiente simile. Puoi comportarti da anticonformista e fare irruzione in questa o quella conversazione, ovunque ne abbia voglia.

Questi incontri furono un'iniziativa di Leandra Bias, una studentessa svizzera che venne a studiare russo durante l'inverno. Non aveva amici, così fece partire questi incontri per incontrare persone del poso e fare amicizia. Il primo meeting fu un flop, solo quattro anime coraggiose si presentarono. Ma la volta successiva c'erano più persone e andò molto meglio. Fu grazie al suo straordinario carattere che Leandra riuscì a radunare così tanta gente. Aveva un modo speciale di fare sentire tutti come se fossero suoi amici. In questo modo, una ragazza svizzera ha insegnato ai bielorussi a non aver paura delle culture straniere. Vi confesso che io ho cominciato a prendere parte agli incontri dopo una conversazione stimolante con Leandra, dopo la quale ho realizzato di essere sulla sua stessa lunghezza d'onda.

Gli incontri possono arrivare a 60 persone, 40 in media. Qualche settimana fa, io e il mio amico Dojo, che è un designer, abbiamo realizzato un logo particolare per gli incontri che racchiude l'atmosfera amichevole che permane dalle 19 alle 23. Gli incontri si tengono in posti diversi ogni settimana, il che aiuta a mantenere il carattere innovativo di questa esperienza. 

Uno dei problemi che abbiamo incontrato riguarda la prenotazione dei tavoli. Potreste immaginare che i proprietari dei locali si scannerebbero per avere quaranta persone in una serata qualsiasi. Quaranta persone assetate. Ma molti di loro si sono rifiutati di aiutare. Vogliamo dimostrargli che questi incontri possono portare benefici ai locali tanto quanto a noi stessi, e ad ogni modo, incontri del genere non occupano i tavoli - le persone sono in piedi, passano da una conversazione all'altra, si scambiano bevande, chiacchiere e amore. Un incontro pieno di lingue, culture, prospettive e persone diverse. Questi mercoledì stanno prepotentemente ridonando alla vita sociale di Minsk un carattere moderno.

E se pensiamo al futuro? Speriamo che un giorno quest'atmosfera possa essere realizzata definitivamente in una location permanente - un locale chiamato "Bevi. Chiacchiera. Ama". In questo modo potremmo garantire il proseguimento e il consolidamento di questa rivoluzione sociale.