[ita] Cafébabel's Post-truth Dictionary

Articolo pubblicato il 30 novembre 2016
Articolo pubblicato il 30 novembre 2016

Attenzione, questo articolo non è stato ancora editato, né pubblicato in alcun gruppo

In un anno segnato da promesse vuote nel paese degli autobus scarlatti e dall'elezione di un presidente il cui account Twitter trabocca di dichiarazioni contraddittorie, non c'è da stupirsi che la parola "post-truth" (letteralmente "post-verità")  sia sulla bocca di tutti. Non ci si può più fidare nemmeno dei nostri dizionari.

Nel 2004 era "chav." Nel 2013 "selfie". Ogni anno la Oxford University Press elegge la propria "Word of the Year" e così facendo ci regala uno spaccato dello zeitgeist del mondo anglofono.

Quest'anno la Word of the Year è stata "post-truth" - sostantivo definito come "relativo a o indicativo di circostanze in cui i fatti oggettivi risultino essere meno efficaci nella formazione dell'opinione pubblica rispetto all'appellarsi ai sentimenti o alle convinzioni personali". E' un modo carino per dire che, per citare Michael Gove, la gente ne ha avuto abbastanza degli esperti. I fatti non importano più. Nel 2016 il pubblico è disposto a credere su due piedi alle bugie, a patto che siano state abbondantemente gridate a squarciagola o largamente condivise su Facebook.

Le finaliste di quest'anno sono state parole altrettanto deprimenti con definizioni altrettanto ammorbidite. E, dal momento in cui, in un mondo "post-truth", le parole possono potenzialmente significare qualsiasi cosa le si voglia far significare, vogliamo offrirvi qualche definizione alternativa.

Alt-right (alternative-right) [sostantivo]

Oxford dice:  raggruppamento ideologico associato a posizioni estremamente conservatrici o reazionarie, caratterizzate dal rifiuto della politica convenzionale e dall'uso dei mezzi di comunicazione online con lo scopo di disseminare deliberatamente contenuti controversi.

cafébabel dice: termine educato con il quale siamo costretti a definire quei provocatori carichi d'odio  che sputano retoriche sulla supremazia dei bianchi su internet (perchè se li chiamassimo Neonazisti invocheremmo immediatamente la legge di Godwin).

Brexiteer [sostantivo]

Oxford dice: individuo favorevole all'uscita del Regno Unito dall'Unione Europea.

Cafèbabel dice: un Brexiteer è un Brexiteer. Perchè Brexit vuol dire Brexit. E se avete bisogno di ulteriori spiegazioni, state sovvertendo la volontà del popolo.

Chatbot [sostantivo]

Oxford dice: programma creato per simulare una conversazione con utenti umani, specialmente su internet

Cafébabel dice: l'unico mezzo che assicuri una conversazione calma, razionale o intelligente su internet nel 2017

Coulrophobia [sostantivo]

Oxford dice: paura estrema o irrazionale dei clown

Cafébabel dice: paura assolutamente razionale di un miliardario misogino, razzista e dotato di un'acconciatura idiota che è inspiegabilmente diventato il leader del mondo libero

Glass cliff (letteralmente "scogliera di vetro") [sostantivo]

Oxford dice: usato in riferimento ad una situazione in cui una donna o un membro di un gruppo minoritario acquisisce una posizione di leadership in circostanze impegnative, dove il rischio di fallimento è elevato

Cafébabel dice: dove le donne si vogliono gettare dopo essere state respinte per un impiego nel quale è stato assunto un uomo senza assolutamente alcun tipo di esperienza (vedi: Clinton, Hillary)

Hygge [sostantivo]

Oxford dice: condizione di intimità e confortevole convivialità che dà origine a un sentimento di appagamento e benessere (vista come una caratteristica tipica della cultura danese)

Cafébabel dice: quella piacevole sensazione che provi quando ti dai fuoco perchè ne hai finalmente abbastanza di questo terribile, terribile anno

Latinx [sostantivo]

Oxford dice: individuo di origine o discendenza Latinoamericana (usato come sostantivo neutro o come alternativa non binaria di Latino o Latina)

Cafébabel dice: quello che ci sarà scritto a intervalli regolari sul muro di confine con il Messico di Donald Trump

woke [aggettivo]

Oxford dice: [originariamente di uso Afro-Americano] segnalazione di ingiustizia sociale, specialmente di stampo razzista

Cafébabel dice: quello che abbiamo fatto tutte le mattine da quando è stata annunciata la Brexit, sperando che fosse tutto un brutto sogno.