INTERVISTE1/ Il ruolo del CSE

Articolo pubblicato il 23 aprile 2002
Pubblicato dalla community
Articolo pubblicato il 23 aprile 2002

Attenzione, questo articolo non è stato ancora editato, né pubblicato in alcun gruppo

Ai candidati all'elezione del primo Consiglio Studentesco europeo (CSE) abbiamo rivolto la seguente domanda: "Secondo lei, qual è il ruolo che il Consiglio Studentesco Europeo giocherà allinterno della macchina decisionale della UE?"

1) Sergej Muravjov, lituano, capo della lista « Students For Europe »

Come una nuova promessa, il Consiglio Studentesco Europeo prima di tutto dovrà posizionarsi allinterno del sistema decisionale dellUE. A dire il vero, una cosa è esistere formalmente sulla carta, unaltra participare attivamente sulle questioni che riguardano gli studenti e che con la tua voce non puoi solo sentire ma anche ascoltare.

Noi crediamo che sono proprio i primi due anni di vita del CSE i più cruciali circa il ruolo nella UE. La nostra squadra farà cio perfettamente.

Ciò di cui abbiamo bisogno, come studenti, in questo momento è un certo gruppo di interesse, con il principale obiettivo di far sentire la voce degli studenti

Questa è la ragione per cui noi ci chiamiamo STUDENTI PER LEUROPA, o semplicemente SFE.

La ragione per cui abbiamo scelto questo nome è abbastanza semplice. Abbiamo colto infatti lassenza di un legame tra gli studenti e lUnione Europea, vuoto che noi siamo preparati a colmare.

Da subito, gli studenti della nostra Europa necessitano di una organizzazione studentesca rappresentativa influente, che sia capace non solo di rappresentare gli interessi degli studenti, ma anche di influenzare il decision making europeo a favore degli studenti stessi.

La nostra squadra è conscia del fatto che, a livello europeo, esiste quasi irrilevante partecipazione organizzata che sia al tempo stesso indipendente e studentesca. Semplicemente NOI VOGLIAMO CAMBIARE questa situazione:

Noi pensiamo che nelle fasi iniziali del CSE dovremmo focalizzare la nostra attenzione sulla posizione del CSE allinterno della struttura europea, con lobiettivo primario della effettiva rappresentanza degli studenti.

Noi crediamo fermamente che questo non sia il momento giusto per bisticciare sulle preferenze che abbiamo. Le nostre idee politiche -liberali, federaliste, antiproibizioniste o religiose- dovrebbero essere solo di secondaria importanza. Prima di tutto dobbiamo costruire la casa. Poi e solo allora potremmo pensare a come arredarla..

2) Raphael Dewulf, belga, capo della lista EuroFederalist

Noi desideriamo ben inteso che il Consiglio Studentesco Europeo giochi un ruolo maggiore nei meccanismi decisionali de llUnione Europea. Il consiglio dovrà porre molte sfide al fine di rappresentare al meglio i giovani nelle strutture europee. Questo primo consiglio sarà lemblema di una Europa dinamica e indirizzata verso il suo futuro. Il tasso di partecipazione sara primordiale. E il motivo per cui gli EuroFederalist organizzano una campagna di garnde respiro attraverso tutta lEuropa per sensibilizzare gli studenti, presentargli la posta in gioco di qusta prima mondiale e implicarli nellavvenire della loro Europa. .

3) Florent SEBBAN, francese, capo della lista « Communicating Europe »

Un consiglio eletto democraticamente è lunica maniera di ottenere una legittimità importante degli studenti rispetto alle istituzioni europee. Un tale organo premetterà dunque di far parlare gli studenti con una sola voce al fine di proporre dei progetti, ossia delle riforme, alla Commissione, ma anche di partecipare legittimamente al dibattito sullavvenire de lUnione. LEuropa che si disegna è destinata a essere spinta in un futuro prossimo proprio da giovani della nostra generazione. E per questo motivo che gli studenti devono partecipare per mezzo del Consiglio ai lavori della convenzione.

4) Gudrun LANG, austriaco, capo della lista « Europa Rediviva »

Il CSE gioca un doppio ruolo allinterno delle istituzioni europee: da un lato il CSE esprimerà quella rappresentanza europea degli studenti di cui si sente veramente bisogno; i diversi sistemi accademici sono - e mai dovranno più esserlo - ristretti da confini geografici. In questi tempi, in un continente che sta progredendo e si sta approfondendo, le sfide e gli interessi degli studenti diventano sempre più simili e devono essre affrontati da un punto di vista regionale.Il CSE sarà cruciale nel promuovere il miglior risultato per molti studenti in Europa. Da un lato io penso anche che il CSE offra un importante piattaforma per guidare il futuro della UE. La nostra generazione deve prepararsi nel miglior modo possibile per un grande compito di prendere il timone della vita culturale, artistica e politica di un grande continente. Io credo che il CSE contribuirà moltissimo a questo scopo.

5) Malena Zingoni, spagnola, capo della lista « Antiprohibitionist »

1)Il Consiglio Europeo dgli studenti potrà giocare un ruolo consultativo nel processo decisionale europeo, dal momento che sarà consultato dalle Istituzioni Europee in determinati ambiti, quali listruzione, la ricerca e luniversità : proprio su quei temi che interessano la circolazione e la mobilità degli studenti ed il riconoscimento dei diplomi. Questa partecipazione consultativa del Consiglio Europeo degli Studenti aiuterà a diffondere una cultura democratica comune tra gli studenti della UE.