Il tetto del Parlamento europeo crolla

Articolo pubblicato il 13 agosto 2008
Articolo pubblicato il 13 agosto 2008

Attenzione, questo articolo non è stato ancora editato, né pubblicato in alcun gruppo

L’8 agosto una parte del tetto del Parlamento europeo a Strasburgo è crollata. Grazie a un video di You Tube le immagini sono circolate. Un’occasione per riaprire la polemica sulla sede unica della camera, che ora si divide tra la capitale alsaziana, Bruxelles e il Lussemburgo. Un’insolita.

Fortunatamente, i membri del Parlamento europeo erano in vacanza quando il 10% del soffitto del Palazzo di Strasburgo è crollato, venerdì scorso. Delle immagini di calcinacci sulle sedie sono state mostrate dal sito internet StrasTV.com, che si occupa di attualità di Strasburgo, e adesso circolano su TouTube, accompagnate da commenti ironici.

Il Parlamento europeo ha semplicemente confermato l’incidente, senza commentarlo. L’immobile è recente (1999) e le condizioni meteorologiche erano normali il giorno dell’incidente, cosa che lascia pensare a un probabile difetto di costruzione di parte del soffitto.

Questo incidente potrebbe essere l’occasione, per i deputati europei ed i cittadini che reclamano per il Parlamento una sede unica a Bruxelles, per far valere la propria voce. Oggi, il Parlamento europeo si divide tra Bruxelles, Lussemburgo e Strasburgo. La campagna Oneseat (onseat.eu) stima che i costi annuali per spostare le attività parlamentari da Bruxelles a Strasburgo ammontino a 200 milioni di euro per i contribuenti europei, e più di 1,2 milioni di cittadini dell’Unione europea hanno già firmato una petizione on-line. I deputati europei si ritrovano al Parlamento di Strasburgo una settimana al mese per le sessioni plenarie, lasciando l’immobile libero 307 giorni all’anno. La prossima seduta, salvo incidenti, sarà il 1°settembre.