Il tedesco potrà mai sedurre i giovani?

Articolo pubblicato il 08 febbraio 2016
Articolo pubblicato il 08 febbraio 2016

Nonostante tutti gli sforzi fatti dal Governo francese, niente è cambiato. Il tedesco perde il suo fascino di fronte alle lingue del sud, portatrici di sole e fiesta. Tuttavia, sui libri di scuola la Germania avrebbe molto più da raccontare invece delle solite grosse berline, dell'efficiente mercato del lavoro e della guerra del '15-'18. Allora, come attrarre gli studenti? Sei consigli utili.

Dopo aver seriamente minacciato l'esistenza delle classi cosiddette "bilingue", il Ministero dell'educazione francese chiede «uno sforzo eccezionale a favore del tedesco»: apparentemente questa materia difficilmente riesce a sedurre gli studenti francesi di oggi, che preferiscono arrotare le "r" in spagnolo. Ancora peggio, la lingua di Goethe non riesce proprio a liberarsi dagli stereotipi, che l'associano troppo spesso alla guerra, ai wurstel e ad un accento da barbari. Tuttavia ci sono moltissimi elementi che potrebbero restituire alla Germania l'immagine che si merita. Ai professori l'ardua impresa.

La Germania non è solo un Paese di industrie automobilitische. In Europa, Berlino è la città di tendenza: «povera ma sexy», la Capitale tedesca occupa le prime posizioni nelle classifiche delle città più vivibili secondo giovani. "Eccellenza" europea per quanto riguarda la produzione artistica e la vita mondana, Berlino continua a sfornare progetti geniali e forse intitolerà una strada a David Bowie in uno dei suoi migliori quartieri. Professori, organizzateci una gita scolastica.

Vi hanno già detto che il carbone tedesco inquina? Rispondete che la Rhur ha appena inaugurato i primi 5 chilometri della prima autostrada per biciclette del Paese. Una volta completata, questa imponente pista ciclabile, ben illuminata, senza semafori né macchine, dovrebbe collegare 10 città e 4 università, su un tracciato complessivo di 100 chilometri. Il progetto permetterà di ridurre la circolazione di 50mila automobili al giorno... e di ammortizzare lo scandalo Volkswagen. Mettete su una squadra di ciclisti durante l'ora di educazione fisica, e organizzate una competizione su due ruote.

La Germania produce anche best-seller, promuove i suoi giovani e allo stesso tempo abbatte i tabù. Nel 2014 una giovane studentessa in medicina di 24 anni, Giulia Enders, ha pubblicato un libro che ha venduto più di un milione di copie. Il tema? L'intestino. Oggi L'intestino felice è tradotto in 30 lingue e ha riconciliato milioni di persone nel mondo con un organo ben poco amato. I vostri studenti avranno finalmente una buona ragione per andare in bagno.

All'inizio del 2016 è scoppiato il pandemonio sul modo in cui la Germania gestisce i rifugiati dopo lo scandalo delle molestie sessuali a Colonia. Ma questo significa dimenticare che nel 2015 il Paese ha visto nascere il movimento Refugee Welcome; o che due studenti berlinesi, Mareike e Jonas, hanno creato un "Airb'n'b per i rifugiati"; e che migliaia di cittadini a Monaco hanno accolto i migranti con peluche e del buon cibo. Offriteli entrambi alla prossima merenda in classe.

Anche se le delizie della gastronomia tedesca non sono troppo condivise sui social media, il Paese sa come promuovere un certo consumo alimentare. La Germania è il paradiso del Food-sharing, che punta a lottare contro lo spreco alimentare: questo sito, lanciato nel 2012, conta ormai circa 100mila iscritti. Fate sì che la mensa scolastica diventi un luogo di condivisione. E invitate Raphael Fellmer, fondatore del progetto, per il dessert. 

Come si può pensare che gli studenti si interessino al cinema tedesco se tutto quello che è proposto in TV è L'ispettore Derrick, Il commissario Rex o Squadra speciale Cobra 11? Seduceteli con Diane Krüger o Til Schweiger, il Brad Pitt teutonico. Dite loro che l'attore geniale che recita in Bastardi senza gloria, Rush, La Spia – A Most Wanted Man e l'ultimo Capitan America si chiama Daniel Brühl. Fateli riflettere con i film di Fatih Akin e incollateli davanti alla serie Deutschland 83. Dannazione! 

Trailer della Deutschland 83, di Anna e Joerg Winger.

Non mancate di menzionare Hélène Fisher (Britney made in Germany), Jürgen Klopp (allenatore di calcio), Charlotte Roche (la scrittrice dell'intimità), Manuel Möglich (giornalista, che fa informazione con sarcasmo e ironia), Nina Hoss (grande attrice), il curry-würst, la birra, il döner kebab e i gesti rassicuranti!