Il programma del “Miglior Partito”? «Fare di Reykjavik un posto in cui ci si sappia divertire»

Articolo pubblicato il 08 giugno 2010
Articolo pubblicato il 08 giugno 2010
Più forte del Vaffanculo day di Beppe Grillo, meglio dei lettini pubblici abbronzanti di Horst Schlämmer in Germania o della rete parigina di mongolfiere di Gaspard Delanoë: Jon Gnarr Kristinsson, l’attore più famoso d’Islanda, ha promesso agli abitanti di Reykjavik un orso polare nello zoo e asciugamani gratuiti nelle piscine comunali. La differenza?
Il “Miglior Partito” (“Best Party”), da lui fondato, ha ottenuto la maggioranza dei voti alle elezioni del 29 maggio 2010 a Reykjavik! Ecco l’intervista (seriosissima) a Einar Örn Benediktsson, voce e tromba degli ex Sugarcubes di Björk e braccio destro del “Miglior Partito”.

cafebabel.com: Quali promesse avete fatto agli abitanti di Reykjavik?

Einar Örn Benediktsson: Il punto principale del nostro programma è di fare di Reykjavik un posto allegro, in cui ci si sappia divertire. Inoltre, daremo molta importanza ai problemi ambientali e faremo di tutto per attuare una politica più “trasparente”. Ma soprattutto abbiamo dato nuova speranza agli abitanti di Reykjavik.

cafebabel.com: Avete utilizzato mezzi di comunicazione tradizionali?

Einar Örn Benediktsson: Abbiamo utilizzato soprattutto Internet. Tutti i membri del “Miglior Partito” hanno cantato il nostro programma politico sulla base musicale di "Simply the best" di Tina Turner.

cafebabel.com: Parlate di “anarco-surrealismo” per definire il vostro programma. Di cosa si tratta?

Einar Örn Benediktsson: Ci opponiamo all’attuale struttura della discussione politica. La gente dovrebbe avere più potere decisionale a Reykjavik! In realtà noi vogliamo iniziare una rivoluzione, un nuovo modo di pensare la politica, in maniera più aperta. Per esempio, abbiamo aggiunto al nostro sito una sezione per i suggerimenti, dove tutti possono fare delle proposte sulla politica della città.

cafebabel.com: Quali sono i motivi principali della diffidenza dei giovani di Reykjavik verso la politica tradizionale?

Einar Örn Benediktsson: Dopo il crack finanziario del 2008, i politici, sia di destra che di sinistra, non hanno fatto nulla per migliorare la difficile situazione degli abitanti. Chi ha votato per il “Miglior Partito” è di destra come di sinistra, ed è stato attirato dalla nostra volontà di promuovere una libertà vera nella gestione della politica e di rendere pubblica la discussione.

cafebabel.com: Come hanno reagito gli altri partiti all’annuncio della vostra vittoria?

Einar Örn Benediktsson: Ci hanno accolto molto bene. Anche per loro è un’occasione per cambiare le cose.

cafebabel.com: Quindi si profila una coalizione?

Einar Örn Benediktsson: Si, siamo in trattativa con il Samfylking, il partito socialdemocratico, e siamo aperti a tutti gli altri partiti.

cafebabel.com: Chi sono i membri del “Miglior Partito” e come vedono il loro futuro dopo questa vittoria?

Einar Örn Benediktsson: Un venditore di libri, attori, impiegati del comune di Reykjavik, ecc. Facciamo parte della società civile e del mondo delle arti di Reykjavik. Il nostro futuro? Fare di Reykjavik un posto in cui ci si sappia divertire.

Foto : Sigvaldij/YouTube. Video: Sugarcubes di tearecords/YouTube; Best Party di Sigvaldij/YouTube