Il mediatore europeo contro la discriminazione linguistica

Articolo pubblicato il 28 maggio 2008
Pubblicato dalla community
Articolo pubblicato il 28 maggio 2008
Cari amici, ieri il Mediatore europeo ha sanzionato come cattiva amministrazione la decisione della Commissione di ammettere solo il francese, l'inglese e lo spagnolo come lingue ammissibili per i progetti di collaborazione con paesi terzi nell'ambito della difesa della democrazia e dei diritti dell'uomo.
Una ONG tedesca, infatti, si era era vista rifiutare l'accesso al concorso perché aveva inviato alla Commissione i documenti in tedesco.

Il mediatore ha giustamente condannato la discriminazione linguistica praticata in questo caso dalla Commissione, e giustificata come sempre (cioè come ogni discriminazione linguistica) da ragioni pragmatiche, che spesso in realtà non sono altro che pretesti per giustificare e radicare l'egemonia e la discriminazione linguistica.