Il difficile mestiere di parlamentare (europeo)

Articolo pubblicato il 19 febbraio 2009
Articolo pubblicato il 19 febbraio 2009
Brian Wheeler, corrispondente politico della Bbc, ha seguito come un’ombra per un’intera settimana i deputati britannici del Parlamento europeo. E conclude: «La vita di un eurodeputato non è come ce la immaginiamo».

Secondo Brian Wheeler è insolito seguire gli eurodeputati per i corridoi di quel palazzo futuristico in cui si trovano i loro uffici. È una sfida anche afferrare un nuovo vocabolario e un nuovo stile: gli eletti al Parlamento europeo sembrano possedere molto meno senso dell’umorismo rispetto ai deputati britannici. Il giornalista inoltre sottolinea che in un parlamento senza partito di maggioranza né opposizione, il termine “compromesso” «non è una parola oscena».

Contrariamente all’opinione pubblica, i deputati europei ritengono di possedere più potere di un qualunque deputato nazionale, anche se hanno molte meno responsabilità. Il giornalista afferma che i gli eletti inglesi si lamentano perché sono «costretti a fare continue trasferte» a Strasburgo e perché non ricevono abbastanza attenzione da parte dei media. Sembra che ci vorrà ancora molto tempo prima che le nazioni - e i lobbisti – comprendano appieno le funzioni del Parlamento europeo.