IL CALENDARIO POETICO DELL'AVVENTO 8: POETI DA POST-IT

Articolo pubblicato il 12 dicembre 2013
Articolo pubblicato il 12 dicembre 2013

Attenzione, questo articolo non è stato ancora editato, né pubblicato in alcun gruppo

Dietro l'ottava porta del nostro Calendario dell'Avvento si nasconde una poetessa da post-it: l'inimitabile Kristina Wojtaszek. Originaria del Wyoming, Kristina è un'avida collezionista di ninnoli bislacchi e lieti fine pieni di speranza. Scrive poesie, fiabe rivisitate, storie di fantasmi e racconti brevi. Seguite la sua scia di molliche di pane sulla sua pagina web: Twice Upon A Time.

ca­fe­ba­bel.​com:​ Che poesia porteresti con te su un'isola deserta?

Kri­sti­na: Ariel di Syl­via Plath, nella speranza di capirla, prima o poi. 

ca­fe­ba­bel.​com:​ Qual'è la cosa più gentile che abbia mai fatto uno sconosciuto nei tuoi confronti?

Kri­sti­na: Farmi caso.

ca­fe­ba­bel.​com:​ Com'è il tuo spuntino di mezzanotte ideale?

Kri­sti­na: Latte caldo e un buon libro.

ca­fe­ba­bel.​com:​ Che libro per bambini regaleresti a uno sconosiuto (giovane o anziano)?

Kri­sti­na: L'uovo di Ortone del Dr. Seuss,  perché, perché, perché sì!

ca­fe­ba­bel.​com:​ Dove tieni le tue poesie e quelle delle altre persone?

Kri­sti­na: Su delle mensole, sparse sul tavolo o sul pavimento, tra le coperte; dovunque capitino insomma.

ca­fe­ba­bel.​com:​ Una domanda per la prossima volta?

Kri­sti­na: Cosa ti osserva mentre scrivi (vivente e non)?

ca­fe­ba­bel.​com:​ Facci un disegno.